young boysMolto probabilmente il Napoli centrerà agevolmente  la qualificazione al prossimo turno di Europa League ma la sconfitta di questa sera contro lo Young Boys non fa sicuramente bene alla squadra e alla piazza partenopea. Un ko che mette in evidenza un dato che deve far riflettere: la squadra di Benitez non ha alternative all’altezza dei titolari; per quanto sulla carta possa sembrare che la rosa sia composta da tanti validi calciatori è evidente che quando a questo team togli Callejon e Higuain si perde molto probabilmente il 50% soprattutto del potenziale offensivo. Sbaglia chi pensa che la brutta figura di questa sera sia dovuta a svogliatezza o mancanza di applicazione e concentrazione da parte dei giocatori scesi in campo; l’impegno non è mancato ma il solo Mertens, l’unico sceso in campo dal primo minuto tra quelli che possono fare la differenza , potesse trascinare il Napoli verso il successo. Ed allora meglio pensare positivo e godersi il fatto che i calciatori più importanti della rosa azzurra, Callejon e Higuain, uniti a qualche altro giocatore molto importante in questo momento per l’economia della squadra, vedi Koulibaly e David Lopez abbiano riposato e possono dare quel quid in più nel match di Domenica sera alle 18,00 contro l’Hellas Verona, gara da vincere assolutamente se si vuol dare una raddrizzata al campionato.

Il tabellino

Young Boys (4-2-3-1): Mvogo; Sutter, Von Bergen, Vilotic, Lecjacks; Sanago, Gajic; Steffen, Kubo (26′ st Bertone), Nuzzolo (41′ st Rochat); Hoarau. A disp.: Wolfli, Zarate, Nikci, Costanzo, Afum. All.: Forte.

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Henrique, Albiol, Ghoulam; Inler, Jorginho (30′ st Callejon); De Guzman (39′ st Higuain), Michu (16′ st Hamsik), Mertens; Zapata. A disp.: Andujar, David Lopez, Koulibaly, Mesto. All.: Benitez.

Arbitro: Buquet (Francia)

Marcatori: 7′ st Hoarau, 47′ st Bertone

Ammoniti: Vilotic, Lecjacks (Y); Jorginho, Ghoulam (N)