DAuriaLa Nuova Quarto centra la terza vittoria consecutiva e lo fa sul campo di una diretta concorrente, la Virtus Volla. I flegrei espugnano il Borsellino 1-2, riuscendo a capitalizzare al meglio le poche, pochissime occasioni avute a disposizione, dimostrando grande cinismo e concretezza. Gli ospiti trovano subito la via del gol, con il solito D’Auria che, con un siluro da fuori, trafigge De Martino, portando i suoi avanti per 0-1. Al 22’ i vesuviani iniziano a cacciar la testa fuori dal sacco, con Loreto che a botta sicura coglie il palo, sotto gli occhi increduli dei 300 tifosi sugli spalti. Cinque minuti dopo, Ciocia, ha l’occasione per pareggiare i conti, ma il suo colpo di testa è neutralizzato da Navarra, sarà il primo di una serie di interventi decisivi per il portierone azzurro, il quale risulterà, a fine partita, il migliore in campo. Al 37’ Barone costringe Navarra a rifugiarsi in corner, Navarra che si esalterà anche poco dopo, negando la gioia del gol a Loreto. La ripresa inizia con un Volla alla disperata ricerca del pareggio, ma, come accaduto nella prima frazione di gioco, sono gli ospiti a trovare in partenza la via del gol, grazie a Tucci che di testa batte De Martino, portando il risultato sullo 0-2 e ripagando così la fiducia datagli da Amorosetti, che lo ha preferito a Pirone. Il raddoppio dei flegrei sembra aver tagliato le gambe ai padroni di casa, che comunque riescono ad accorciare le distanze al 23’ della ripresa, con Borrelli. Pochi secondi dopo il gol del 1-2, A. Esposito si fa buttare fuori ingenuamente per somma di ammonizioni, lasciando il Quarto in inferiorità numerica per tutta la seconda metà del secondo tempo. Amorosetti, dopo l’espulsione, è costretto a stravolgere l’intero assetto tattico dei suoi, decidendo di passare ad un ermetico 4-5-1. Il finale è un assedio della squadra di De Martino. Assedio che però, alla fine, non produrrà i frutti sperati.