Virtus BaiaPoker di gol, manita di vittorie. A 180 minuti dalla fine la Virtus Baia è in piena corsa per i play-off. Al “Tony Chiovato” i granata inanellano il quinto successo consecutivo battendo in rimonta 4-1 la Lokomotiv Flegrea. Ospiti avanti al termine della prima frazione grazie al loro unico tiro in porta realizzato da Franco. Per la Virtus tante occasioni sciupate ed un portiere avversario, Cioce, in grande spolvero. Nella ripresa i cambi decisivi di Di Meo rappresentano la chiave di volta del match: Virtus che passa dal 4-2-3-1 al 3-4-3 e dentro lo sgusciante Silvestri per il generoso Lanza (più tardi entrano anche Picone e Cutolo per Ricciardi ed il giovane Serrone). In 20’ nella ripresa la formazione baiana ribalta il risultato: segnano Guardascione e capitan Di Fusco di testa, poi Genny Del Giudice trova l’ennesimo gol del suo eccellente campionato con un tiro-cross che sorprende il portiere, infine è Picone a chiudere i conti. Una macchina da gol la Virtus Baia: 5 partite, 5 vittorie, 26 gol fatti (media di 5 gol a partita) e 5 reti subite. Meno due agli spareggi promozione: non giocarli sarebbe un vero peccato.

IL TABELLINO:

VIRTUS BAIA 1947 (4-2-3-1): Mazzarella; Lucci, Guardascione, Coco, Sil. Tufano; De Simone, Di Fusco (21’ st Di Costanzo); Lanza (1’ st Silvestri), Ricciardi (28’ st Picone), Serrone (12’ st G. Cutolo); G. Del Giudice (37’ st Leugio). All. F. Di Meo

LOKOMOTIV FLEGREA (3-4-2-1): Cioce; Moretti, Resistente, Morelli; Minopoli, Farkas, De Vizia, Ambra (1’ st Sanges); Vitiello; Vettura, Franco. All. S. Sansone

Arbitro: Guarino di Torre del Greco
Reti: 19’ Franco (L), 56’ Guardascione (VB), 60’ Di Fusco (VB), 69’ G. Del Giudice (VB), 79’ Picone (VB)
Ammoniti: De Simone, Di Fusco (VB), Farkas, Resistente, Minopoli (L)
Note: 100 spettatori circa. Angoli: 7-2. Recupero: 1’ pt, 3’ st