spadaforaIn un’intervista rilasciata a Fanpage, Il ministro Vincenzo Spadafora, in merito allo slittamento del via libera agli sport di contatto amatoriali ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: ”Questi sport non riprenderanno nemmeno il 25 giugno con certezza, perché il ministro Speranza ha ritenuto che non si potesse venir meno alle due regole che valgono ancora oggi per tutti i cittadini, e cioè il distanziamento sociale e la mascherina. Ovviamente gli sport di contatto, come può essere una partita di calcetto o di beach volley, non consentono di rispettare queste due regole. Per cui sarà possibile riprendere questi sport quando tutti i cittadini potranno rinunciare a queste due regole di sicurezza fondamentali. Oggi per andare in un supermercato, o per viaggiare in treno, noi chiediamo agli italiani di mantenere il distanziamento sociale e di portare la mascherina. Non possiamo consentire che soltanto per fare attività sportiva di base queste misure di sicurezza vengano evitate. Quindi non sappiamo ancora quando ci sarà il via libera agli sport di contatto…”

Attendere il termine del distanziamento sociale per fare ripartire il calcetto amatoriale è follia pura soprattutto se si considera che con tutte le attività che sono ripartite, il distanziamento sociale nessuno lo sta rispettando!!!

Se vale questo principio allora bisogna chiudere pure le spiagge soprattutto quelle libere; sono diversi infatti gli spazi balneari dove nella giornata di oggi non è stato rispettato il distanziamento.