Benitez inviperito nel post gare per le decisioni arbitrali di Irrati, sorride Ventura

Kamil Glik, il difensore "bomber" del Torino

Kamil Glik, il difensore “bomber” del Torino

La serata di Torino sorride alla squadra di Ventura che grazie al sesto gol stagionale in campionato del suo capitano, Camil Glik, ottiene un importantissimo successo sul Napoli per 1-0 tra le mura amiche dell’Olimpico. Una vittoria fondamentale e sul campo meritata quella dei granata, che grazie a questi tre punti si portano ora a quota 36 punti, a -6 dalla zona Europa League, finora occupata dalla Fiorentina. Per il Napoli brutta battuta d’arresto, la seconda consecutiva in trasferta dopo quella di Palermo, ed ennesima occasione buttata di via di mettere maggiore pressione alla Roma in attesa del big match di stasera tra i giallorossi e la Juventus.

Partita emozionante e vibrante, aperta anche se ben studiata tatticamente da entrambi i due allenatori. Torino più arrembante in avvio, con Martinez (preferito a Maxi Lopez) che si divora già al 2′ un gol praticamente a due metri dalla linea di porta sparando alto. I partenopei manovrano e si coprono comunque senza praticamente correre mai rischi, ma pungendo raramente. Higuain non ha palloni importanti giocabili davanti a Padelli e così le emozioni a tinte azzurre arrivano solo dai tiri dalla distanza di De Guzman, Callejon e Hamsik (il suo tiro dai trenta metri sfiora l’incrocio dei pali a Padelli battuto).

Nella ripresa le squadre stanche concedono più spazio e le emozioni aumentano, ma sempre sulla falsa riga del primo tempo, con nessuna delle due squadre che si impone nettamente sul terreno di gioco. Ad avere la meglio alla fine è il Torino. Al 66′ retropassaggio balordo di Koulibaly (ennesimo errore ingenuo del francese che costa punti alla squadra di Benitez) che regala il corner ai granata. Dagli sviluppi del calcio piazzato, la solita incornata di Glik regala i tre punti a Ventura, che può sorridere anche quando, entrato Gabbiadini, prima sfiora la rete con un tiro dalla distanza, poi prende il palo su calcio piazzato battuto abilmente dai diciassette metri. In mezzo un rigore non concesso al Napoli per un fallo di mano in area di Moretti, intervenuto in scivolata per impedire a Higuain il controllo a tu per tu con Padelli, e un’espulsione non accordata a Quagliarella, già ammonito, per un brutto fallo non ravvisato dall’arbitro Irrati.

Non mi è assolutamente piaciuto il nostro primo tempo, mentre nel secondo tempo abbiamo avuto una buona reazione, ma troppe cose non hanno funzionato” è il commento laconico di un imbestialito Benitez a fine gara “E soprattutto non mi sono piaciuti certi episodi” chiaro il riferimento ai due casi di moviola sopra citati, oltre i quali non riesce ad andare “Sono stanco di parlare di queste cose“.

Contentissimo invece Ventura, che porta a dodici la serie incredibile di risultati positivi consecutivi del Torino in campionato (quattordici considerando anche l’Europa League): “La maggior soddisfazione è, finché le forze ce lo hanno permesso, aver giocato da squadra contro il Napoli, ad appena 48 ore da una partita su un campo difficile come quello dell’Athletic Bilbao“ ha dichiarato a Sky Sport Abbiamo fatto 70 minuti bene, ma 7/11 della squadra avevano giocato al San Mames e l’ultimo quarto d’ora abbiamo pagato. Ma siamo sulla strada giusta, è il quattordicesimo risultato utile consecutivo e considerando tutte le vicissitudini devo fare i complimenti alla squadra. Eravamo pronti ad affrontare un Napoli sia attendista sia aggressivo: ho un gruppo disponibile nel volere, nel capire e nel mettere in pratica le cose. Oggi siamo maturi e in grado di leggere le partite e le situazioni. Glik? Lavoriamo molto sulle palle inattive per creare lo spazio e sfruttare le caratteristiche dei saltatori. Non è un caso che ha già fatto sei gol: c’è la sua bravura e la disponibilità degli altri a creare lo spazio“.

TABELLINO

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Peres, El Kaddouri (48′ st Basha), Gazzi, Farnerud, Darmian; Quagliarella (49′ st Amauri), Martinez (15′ st Maxi Lopez). All. Ventura

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar, Maggio (38′ st Zapata), Albiol, Koulibaly, Strinic; Gargano (28′ st Inler), David Lopez; Callejon, Hamsik (17′ st Gabbiadini), De Guzman; Higuain. All. Higuain

ARBITRO: Irrati

RETE: 23′ st Glik

AMMONITI: El Kaddouri, Gargano, Koulibaly, Quagliarella, Maggio