CROTONE SALERNITANA 4 A 0
seriebE’ stato un turno amarissimo per le 2 campane impegnate nel campionato di B, entrambe escono con le ossa rotta incassando 4 reti a testa. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo: nell’anticipo del Venerdì sera il Crotone demolisce la Salernitana con l’irriverenza di una squadra sbarazzina che però sa sempre perfettamente cosa cerca. La vittoria è valsa una notte in testa alla classifica, alla pari col Cagliari a quota 13 punti. Pronti via e la Salernitana si fa pericolosissima con Perrulli che dalla bandierina chiama Cordaz ad una respinta con i piedi, il Crotone risponde due minuti dopo con Zampano che raccoglie un passaggio di Budimir ma da posizione defilata non trova lo specchio. I padroni di casa appena accelerano passano in vantaggio: Stoian ruba palla a Pollace, si piazza la palla sul destro e mette la palla in gol, terza rete per il romeno. La Salernitana prova a riorganizzarsi ma becca il raddoppio al 19’: è ancora Stoian che trova l’imbucata per Ricci che elude il fuorigioco campano e batte Terracciano in uscita, con palla tra le gambe. La reazione degli ospiti avviene solo con due conclusioni di Pestrin e Gabionetta con Cordaz attento a respingere di pugno. Dopo il riposo Torrente cambia Donnarumma con Troianiello ma non fa a tempo ad dare ordini che Ricci segna il terzo gol con un preciso piattone sotto l’incrocio dopo l’ennesima invenzione di Stoian, ex romanista come l’autore della doppietta decisiva. I granata vanno in confusione totale da beccarsi due gialli nella stessa azione ma Franco è già ammonito e finisce anzitempo sotto la doccia. Al 27’ Torromino si guadagna un penalty costringendo Terracciano ad una uscita scomposta nel cuore dell’area. Per il portiere solo un giallo mentre Torromino si impossessa del pallone e mette in rete la quarta marcatura. È una vittoria che conferma il buon momento di forma dei calabresi che si candidano prepotentemente per la vittoria finale del campionato. Sul fronte mercato arriva anche un rinforzo in casa rossoblu con il tesseramento dell’attaccante uruguaiano Juan Ignacio Delgado Martinez, 21 anni, nipote del procuratore Daniel Delgado. Nel prossimo incontro la squadra allenata dall’ex Genoa Juric fa visita al Vicenza.

TABELLINO

CROTONE (3-4-3): Cordaz; Yao Guy, Claiton, Ferrari; Zampano, Capezzi (24′ st Paro), Salzano, Martella; Stoian (19′ st Torromino), Budimir (34′ st Firenze), Ricci. A disposizione: Festa, Cremonesi, Balasa, Modesto, Barberis, De Giorgio, Firenze. Allenatore: Juric.

SALERNITANA (4-4-2): Terracciano, Pollace, Lanzaro, Trevisan, Franco; Perrulli (19′ st Milinkovic), Moro, Pestrin, Gabionetta; Coda (5′ st Empereur), Donnarumma (1′ st Troianiello). A disposizione: Strakosha, Empereur, Sciaudone, Odjer, Bovo, Tarallo, Dragonetti. Allenatore: Torrente.

Arbitro: Luca Pairetto di Nichelino.

Collaboratori di linea: Damiano Di Iorio di Gravellona ed Enrico Caliari di Legnago.

Quarto uomo: Giovanni Luciano di Lamezia Terme.

 

AVELLINO VICENZA 1 A 4

partenioUn Avellino imbarazzante e in piena crisi di risultati cade clamorosamente in casa sotto i colpi di un Vicenza cinico e spietato nonostante l’emergenza per gli infortuni. Dopo 45′ di gioco la gara è già in ghiaccio per i veneti in vantaggio per 3-1, nella ripresa poi il netto predominio del Vicenza si rafforza ulteriormente. Sotto accusa le scelte di Tesser che conferma il 3-5-2 già visto a Bari, ma in difesa gli irpini fanno acqua da tutte le parti, Marino con il suo irrinunciabile 4-3-3 ringrazia per le praterie che si aprono specie a centrocampo. E così dopo una fase iniziale di studio, al 13′ il Vicenza già sfiora il vantaggio con Giacomelli che da oltre 30 metri scaglia un gran destro che colpisce in pieno la traversa. I veneti non si perdono d’animo e al 17′ Giron ingenuamente ostacola Gatto in area, per il signor Saia è rigore. Dal dischetto lo stesso Gatto non sbaglia e realizza lo 0-1. L’Avellino, però, reagisce e al 25′ pareggia i conti: sul cross di Giron, Trotta in area si gira splendidamente e di sinistro mette alle spalle di Marcone. Il Vicenza non accusa il colpo e al 33′ passa nuovamente: Galano dal limite spara in porta, Ligi ribatte, la sfera carambola fortunosamente sullo stesso Galano che si ritrova davanti la porta e non sbaglia. 1-2 e Vicenza di nuovo avanti. L’Avellino prova a rispondere con Tavano, ma il suo colpo di testa non è preciso. Sul finire del tempo arriva anche il tris: Gatto dalla destra crossa al centro, Raicevic prova ad anticipare Biraschi ma è lo stesso difensore a mettere alle spalle del suo portiere. Autorete e 1-3, un’ipoteca sul match. Che arriva prontamente nella ripresa dopo 9′ quando Giacomelli con una punizione perfetta beffa Frattali. 1-4 e notte fonda per l’Avellino che viene subissato dai fischi e cori di contestazione dei propri tifosi. Irpini penultimi in classifica a quota 4 punti con l’allenatore Tesser in bilico. Il Vicenza più forte degli infortuni sale a quota 10 confermandosi squadra cinica e combattiva. Biancoverdi sabato prossimo sono di scena a Livorno.

TABELLINO

Avellino (3-5-2): Frattali; Biraschi, Ligi, Chiosa; Nica (dal 17′ st D’Angelo), Insigne, Arini, Zito (dal 1′ st Jidayi), Giron; Trotta, Tavano (dal 1′ st Mokulu). A disp.: Offredi, Nitriansky, Visconti, Bastien, Soumarè, Napol. Allentore: Tesser.

Vicenza (4-2-3-1): Marcone; Sampirisi, El Hasni, D’Elia, Pinato (dal 21′ st Rinaudo); Modic, Cinelli; Gatto (dal 39′ st Sbrissa), Galano, Giacomelli (dal 30′ st Gagliardini); Raicevic. A disp.: Vigorito, Kerezovic, Bianchi, Sbrissa, Pazienza, Gora, Pettinari. Allenatore: Marino.

Arbitro: Francesco Paolo Saia di Palermo.

 

 

CLASSIFICA

Squadra

PG

V

P

S

GF

GS

DG

PT

1
Cagliari

6

4

1

1

13

6

7

13

2
Crotone

6

4

1

1

12

6

6

13

3
Cesena

6

4

1

1

9

3

6

13

4
Livorno

6

4

0

2

13

7

6

12

5
Spezia

6

3

2

1

9

6

3

11

6
Bari

6

3

2

1

9

9

0

11

7
Vicenza

6

2

4

0

10

6

4

10

8
Trapani

5

2

3

0

9

4

5

9

9
Pescara

6

2

3

1

6

8

-2

9

10
Salernitana

6

2

2

2

8

11

-3

8

11
Ascoli

6

2

1

3

6

6

0

7

12
Modena

6

2

1

3

4

7

-3

7

13
Lanciano

6

1

3

2

4

4

0

6

14
Latina

6

1

3

2

7

8

-1

6

15
Brescia

6

1

3

2

7

9

-2

6

16
Entella

6

2

0

4

6

10

-4

6

17
Perugia

5

1

2

2

3

3

0

5

18
Pro Vercelli

6

1

2

3

4

8

-4

5

19
Como

6

1

2

3

6

11

-5

5

20
Ternana

6

1

1

4

6

10

-4

4

21
Avellino

6

1

1

4

6

11

-5

4

22
Novara

6

1

2

3

3

7

-4

3