Cristian+Terlizzi+Catania+Calcio+v+Bari+Serie+BV37rmOpyklxPrime ore granata per Christian Terlizzi, l’ultimo arrivato in casa Trapani. Per il difensore romano ex Pescara questa mattina, prima delle consuete visite mediche, presentazione ufficiale alla stampa. Presenti il presidente Vittorio Morace, il direttore generale Anne Marie Morace ed il direttore sportivo Daniele Faggiano. Terlizzi arriva al Trapani a titolo definitivo con un contratto annuale.

LE DICHIARAZIONI DEL DS DANIELE FAGGIANO

“Dopo tanti giorni d’attesa siamo riusciti a portare Terlizzi nella nostra famiglia. Si era informato, ha conosciuto la nostra realtà ed è stato ancora più deciso. La sua priorità era quella di venire a Trapani. Sono contento che faccia parte della nostra grande squadra, andrà a puntellare un reparto che aveva bisogno numericamente di altri giocatori. Il comandante ha fatto un grosso regalo a noi e a tutti i tifosi”.

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MORACE

“E’ una bella giornata, confidiamo molto sulle qualità del giocatore. Sono veramente contento, riesco a intuire dalla faccia del calciatore tutta la sua determinazione. Con Terlizzi colmiamo una mancanza importante in difesa”.

LE DICHIARAZIONI DI CHRISTIAN TERLIZZI

“Ringrazio la società perchè finalmente dopo un po’ di giorni siamo riusciti a concludere quest’operazione. Sono molto contento e felice di essere a Trapani, era stato un mio desiderio sin dall’inizio. Ho aspettato fino alla fine la chiamata del Trapani. Gli stimoli non mi mancano assolutamente, perchè ci tengo e ci credo e quando credo in una cosa la faccio con entusiasmo”.

Perchè Trapani?

“Mi sono convinto subito. L’anno scorso quando giocavo a Siena seguivo il Trapani e dicevo sempre a mister Iachini: “Se vanno in serie B, il prossimo anno vado da loro”. Io amo le piazze del sud, sono piazze importanti dove si può fare calcio perchè tutta la gente ce l’ha nel sangue. Mi piace giocare a calcio non solo per soldi ma perchè è una mia passione, credo di aver fatto la scelta giusta e adesso bisognerà dimostrarlo sul campo con i fatti”.

Qual è la tua condizione fisica?

“Ho scelto di non andare in ritiro col Pescara e mi sono allenato da solo con un preparatore personale. Sto bene, ho bisogno di lavorare sul campo con i compagni e col pallone. Credo che tra massimo una settimana sarò pronto, l’importante è giocare perchè più si gioca e più si entra in condizione”.

Come vedi il campionato granata?

“Deve essere un esordio importante per tutti, sarà un bel campionato e bisognerà iniziarlo nel migliore dei modi. Dei miei nuovi compagni ne conosco pochi, però hanno dimostrato il loro valore sul campo l’anno scorso vincendo un campionato. Nel calcio questa è la cosa più importante: avere un’identità, un gruppo. Noi partiamo come una sorpresa e con un morale alto, con un entusiasmo a mille e con giocatori che fanno la serie B per la prima volta. Devono dimostrare di essere all’altezza e quindi daranno qualcosa in più e poi credo che il fattore campo possa essere determinante. Il nostro sarà un ambiente un po’ ostico per tutte le squadre e questa dovrà essere la nostra arma in più”.

Continuerai con la stessa identità di gioco?

“Se riesco a fare qualche gol bene, ma l’importante è non prendere reti perchè poi è sempre colpa della difesa. Per fare un buon campionato la prima prerogativa sarà questa. Prima di tutto, quando si gioca, bisogna essere molto equilibrati, questa è una categoria importante in cui si potrà fare bene. Il Trapani l’anno scorso ha fatto un gran campionato e penso che ha tutte le qualità per ripetersi quest’anno. E’ normale che ci sia una differenza tra la Prima Divisione e la Serie B, però l’unica cosa da fare è cercare di non aver paura di nessuno. Il Trapani ha un proprio gioco, una propria identità e lo deve dimostrare ogni giornata, non deve trasformare o cambiare niente. Questa è stata la loro forza e quindi credo che dovremmo continuare su questa strada”.

Metterai la tua esperienza al servizio della squadra…

“Io credo e spero di aiutare i ragazzi non solo sul campo ma anche fuori. Ho giocato tanti anni, ma la mia stagione più bella l’ho passata al Varese dove sono stato importante non solo come giocatore ma anche come persona. Ho aiutato molti ragazzi a crescere e spero di fare la stessa cosa qui. Ho conosciuto i ragazzi, sono tutti umili e questo potrebbe essere determinante per far sì che diventino grandi giocatori”.

 

LA SCHEDA DI CHRISTIAN TERLIZZI

Christian Terlizzi, centrale di difesa nato a Roma il 22 novembre 1979, arriva dal Pescara. Cresciuto calcisticamente nel Lanuvio Campoleone, ha mosso i primi passi da calciatore professionista nella Lodigiani. Dal 1998 al 2001 gioca in serie D con le maglie di Tivoli, Castelli Romani, Selargius e Termoli, mentre nella stagione 2001-02 passa al Teramo in C2. La stagione successiva colleziona 28 presenze ed una rete con il Cesena e viene ingaggiato dal Palermo dove resta per tre stagioni collezionando complessivamente 48 presenze e sei reti, una promozione in serie A (2003-04), l’esordio nella massima serie e il debutto in Coppa Uefa.

La sua esperienza in maglia rosanero si chiude nel 2006 con il passaggio alla Sampdoria. 4 presenze e poi il trasferimento al Catania dove in quattro anni inanella 73 presenze e 3 gol. Nel 2011-12 passa al Varese in serie B e si rende protagonista di un ottimo torneo (30 gettoni, 4 reti). Nella scorsa stagione ha militato in serie A con la maglia del Pescara (11 presenze, 2 gol), salvo poi chiudere la stagione a Siena con 9 presenze.

Questa con il Trapani sarà la terza stagione in serie B per Terlizzi che vanta anche una presenza nella nazionale maggiore (Italia-Croazia 0-2, 16 agosto 2006).