Un saluto dalla rubrica Talent Scout de”Il calcio che conta”. La stagione delle coppe europee per l”anno 2015 è iniziata a pieno ritmo con l’ingresso nella fase ad eliminazione diretta per Champions League ed Europa League; approfittando di ciò in nostri talent scout sono andati in giro per gli stadi d’Europa a visionare i migliori prospetti che si stanno mettendo in luce nelle due competizioni continentali.

Privilegiando le formazioni sfidanti delle italiane nelle coppe questa settimana vi portiamo alla scoperta di Tonny Trinidade de Vilhena, centrocampista del Feyenoord che ben si è fatto apprezzare nella gara d’andata dei sedicesimi di Europa League che il club olandese a disputato allo stadio Olimpico contro la Roma di Rudi Garcia. Vilhena è un classe 95′ di nazionalità olandese ma di origini angolane dal lato paterno che in patria alcuni paragonano all’icona del calcio orange Clarence Sedoorf.

Dal punto di vista tattico Vilhena è un centrocampista nell’accezzione più moderna del termine, e con questo intendiamo un giocatore capace di adattarsi in quasi tutti i ruoli della zona mediana del campo, essendo in grado sia di orchestrare la manovra di gioco, sia appoggiare i compagni del reparto avanzato nella fase offensiva. Le sue doti principali sono: visione di gioco, combattività, abilità negli inserimenti e capacità di andare al tiro con entrambi i piedi senza perdere in efficacia.
La carriera del ragazzo si è fino ad ora interamente svolta nel club di Rotterdam che lo ingaggio alla tenera età di 8 anni; approdato in prima squadra nella stagione 2011\2012 a 17 anni questa giovane promessa riuscito ad entrare già nei radar del c.t. orange Luis Van Gaal, che lo ha persino inserito nella lista dei pre-convocati per il mondiale brasiliano dello scorso anno.

Con queste premesse è facile immaginare che nel giro di poco tempo il Feyenoord, e l’Eredivise olandese, inizieranno ad andare stretti ad un talento come Vilhena, destinato a ben più importanti palcoscenici; già ci sono voci di club interessati ad assicurarsene le prestazioni sin dal prossimo campionato, tra i nomi usciti fuori ci sono anche alcune squadre italiane anche se la destinazione più probabile ad oggi sembra essere l’Inghilterra, in particolare con il Southampton guidato dal suo connazionale Ronald Koeman.