Ben ritrovati sulla rubrica Talent Scout de “Il calcio che conta”. Anche questa settimana gli occhi dei nostri osservatori sono puntati sul campionato europeo di categoria Under 21 che si sta svolgendo in Repubblica Ceca e che giunge stasera all’atto conclusivo con Portogallo e Svezia a sfidarsi in finale per la conquista del titolo.

Ruben Neves con la maglia del Porto

Ruben Neves con la maglia del Porto

Quest’oggi vi presentiamo un talento della selezione portoghese che, pur non essendo stato finora protagonista della manifestazione a causa della giovanissima età, in molti sono già pronti a scommettere sul suo brillante futuro. Il soggetto in questione si chiama Ruben Neves; su di lui il soprannome dice già molto, il ragazzo è infatti denominato “mister precocità” a causa dei numerosi record infranti nella sua breve carriera da calciatore. Tra questi vi segnaliamo: marcatore più giovane nella storia del Porto e giocatore portoghese più giovane ad aver esordito in Champions.
Chi lo conosce dichiara che i motivi di questi suoi exploit sono dovuti all’incredibile padronanza e maturità con cui interpreta il suo ruolo di playmaker, nel quale riesce a conciliare piedi delicati con recuperi palla da incontrista puro.

Ad inizio della passata stagione Ruben Neves non figurava nemmeno tra le fila del Porto Under 19, ma a fine campionato è diventato punto fermo della prima squadra, attirandosi le attenzioni di molte big europee. Di questo passo, prima di compiere i 20 anni, non sarà più considerato una promessa ma un piccolo fuoriclasse, che già fa gola a club prestigiosi come la Juventus.