danielerugani

Daniele Rugani, il terzo giocatore della storia dell’Empoli ad essere convocato

danieleruganiNel calcio di oggi dove l’interesse generale è rivolto verso le grandi squadre e verso giocatori che danno spettacolo dentro e, purtroppo, anche fuori dal campo, un’altra pagina, dopo quella dedicata a Marzo da “Il calcio che conta” per la rubrica “Talent Scout”, bisogna dedicarla a Daniele Rugani, difensore centrale dell’Empoli che sabato scorso ha ricevuto la chiamata del ct Antonio Conte e da lunedì si sta allenando con i nuovi compagni. Qualcuno ha storto un po’ il naso perché Rugani era il perno della difesa dell’under 21 che in queste due settimane si giocherà l’accesso all’europeo nei Play Off contro la Slovacchia, ma il tecnico ex Juve ha voluto dare un messaggio chiaro puntando su un ragazzo umile che si è guadagnato la convocazione con sudore ed impegno. Rugani è l’ennesimo prodotto del florido settore giovanile dell’Empoli calcio, società che da tanti anni punta sui giovani del proprio vivaio istituendo di fatto una sorta di “cantera” stile blaugrana ma con la differenza che il Barcellona è una delle squadre più forti del mondo con un patrimonio economico encomiabile e ha la possibilità di comprare a suon di milioni qualsiasi giocatore, mentre l’Empoli investe quasi tutte le risorse sul settore giovanile e su qualche giocatore in cerca di riscatto e con la voglia di mettersi in mostra, e ciò ha portato l’Empoli a disputare negli ultimi vent’anni(sotto la gestione Corsi) “solo” campionati di A e di B, risultato clamoroso se pensiamo che la città di Empoli conta meno di 50 mila abitanti, ma con programmazione e con un pizzico di rischio riesce sempre a stare nell’elite del calcio italiano e a far esplodere numerosi talenti. Rugani è un classe ’94 arrivato ad Empoli all’età di 10 anni e ha fatto tutta la trafila delle giovanili fino ad arrivare in primavera. La Juve subito nota il ragazzo e lo preleva in comproprietà, Rugani disputa un anno nella primavera bianconera ma allenandosi spesso in prima squadra sotto gli occhi proprio di Antonio Conte. Alla fine dell’anno Empoli e Juventus decidono di comune accordo di portare il giocatore in toscana per farlo maturare, e il ragazzo alla prima esperienza nel calcio professionistico in serie B subito mostra grandi qualità e alla fine dell’anno si contano 40 presenze con la maglia azzurra e 2 gol, contribuendo così alla promozione dell’Empoli che l’anno dopo avrebbe disputato la sua decima serie A. Quest’anno Rugani inizia alla grande il suo primo campionato in serie A realizzando anche un gol contro il Cesena e Antonio Conte decide così di convocarlo in Nazionale. Molti penseranno che il ragazzo potrà montarsi la testa e perdere la sua dimensione, ma come ha detto l’allenatore dell’Empoli Sarri uno che arriva un’ora prima all’allenamento e alla fine di questo preferisce rimanere ancora al campo per migliorare il calcio col suo piede debole è un predestinato, un ragazzo umile che ha tanta voglia di migliorarsi e che saprà benissimo che la Nazionale non è un punto d’arrivo ma un punto di partenza.

Inler tra i migliori in campo contro l'Inter

Napoli, novità di formazione in vista dell’Athletic Bilbao

inlerQuesta mattina il Napoli è partito per Bilbao dove domani sera alle 20,45 affronterà l’Athletic per il match di ritorno del play off di Champions. Questo l’elenco dei calciatori partiti per la spedizione in Spagna:

Rafael, Andujar, Colombo, Contini, Maggio, Mesto, Henrique, Albiol, Britos, Koulibaly, Zuniga, Ghoulam, Gargano, Jorginho, Inler, Insigne, Callejon, Mertens, Hamsik, Michu, Duvan, Higuain.

Rispetto alla gara d’andata Rafa Benitez potrebbe optare per tre cambi schierando Ghoulam al posto di Britos, Inler per Gargano e Mertens per Insigne per un undici di partenza che dovrebbe essere composto da Rafael tra i pali, Maggio, Albiol, Koulibaly e Ghoulam  a comporre il quartetto di difesa, Jorginho e Inler in mezzo al campo, Callejon, Hamsik e Mertens a supporto di Higuain.

 

Napoli-Bayern Monaco amichevole

Conte nuovo CT dell’Italia: il commento di Aurelio De Laurentis

Napoli-Bayern Monaco amichevole“Il calcio ha bisogno di poche chiacchiere e molti fatti concreti. Complimenti a Tavecchio e un grande in bocca al lupo a Conte ! In pochi giorni siamo usciti dall’immobilismo delle ultime settimane“.. Con questo messaggio su twitter ilAurelio De Laurentiis ha voluto commentare la svolta della Federazione con l’ingresso di Tavecchio quale Presidente della Federcalcio e la scelta di Antonio Conte come ct della Nazionale.

Fonte: SSC Napoli

iturbe

Ufficiale: Iturbe è della Roma. Le cifre dell’operazione

iturbeL’AS Roma SpA rende noto di aver sottoscritto con l’Hellas Verona FC il contratto per l’acquisizione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore Iturbe, a fronte di un corrispettivo di € 22 milioni. L’accordo prevede il riconoscimento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 2,5 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte dell’AS Roma di determinati obiettivi sportivi.

Con il calciatore è stato sottoscritto un contratto di prestazione sportiva di cinque anni, con scadenza al 30 giugno 2019.
Fonte: AS Roma
Mohamed-Soumarè

Soumarè è un nuovo attaccante dell’Avellino

Mohamed-SoumarèL’Avellino è già proiettato alla prossima stagione agonistica di serie B, e con un comunicato ufficiale
sul proprio sito, ha reso noto di aver trovato l’accordo con l’Anderlecht per il passaggio in
biancoverde dlla giovane punta Mohamed Soumarè. Appena una settimana fa il belga ha compuito 18 anni,
essendo nato il 25 Giugno 1996; dopo la trafila nelle giovanili della squadra biancoviola, si è messo in
evidenza quest’anno al Torneo di Viareggio, dove l’Anderlecht è riuscito ad approdare in finale grazie al
suo decisivo contibuto, cn 5 reti in 7 presenze. La dirigenza avellinese quindi, non ha perso tempo e si
è assicurata le prestazioni di questo astro nascente per i prossimi 3 anni. il suo acquisto va a sommarsi
con quelli di Andrea Arrighini, 24enne bomber proveniente dal Pontederera con 30 reti messe a segno nelle ultime
2 stagioni di LegaPro, e Simone Petricciuolo, terzino destro, classe ’95 di scuola Roma.
Con questi 3 colpi la dirigenza lancia un forte segnale di rinnovamento, volendo affidare a mister Rastelli
un team formato da giovani e giocatori più esperti per provare a realizzare ciò che la passata stagione è
stato solo sfiorato: l’approdo nella massima seirie.

Chievo Verona-Sampdoria serie A

Cyril Théréau è un nuovo attaccante dell’Udinese

Chievo Verona-Sampdoria serie AL’A.C. ChievoVerona comunica di aver ceduto a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive dell’attaccante Cyril Théréau all’Udinese Calcio.

Théréau con la maglia del ChievoVerona ha disputato 129 partite in quattro stagioni, realizzando (tra campionato e Coppa Italia) 30 reti. Con le sue 26 reti segnate in serie A l’attaccante francese risulta essere, ad oggi, il giocatore straniero più prolifico della storia del ChievoVerona nel massimo campionato italiano.

A Cyril vanno il più grande in bocca al lupo da parte di tutta la dirigenza del ChievoVerona per la sua nuova avventura calcistica e i ringraziamenti per le quattro stagioni trascorse con la maglia gialloblù. Quattro stagioni ricche di soddisfazioni personali e di squadra.

Fonte: Chievo Verona

balotelli

Esordio boom dell’Italia. Vittoria per 2-1 sull’Inghilterra

balotelliBuona la prima, grande Italia. Gli Azzurri esordiscono al mondiale battendo 2-1 l’Inghilterra con reti di Marchisio e Balotelli. Vittoria meritata, l’Italia ha giocato meglio e ha retto fisicamente al gran caldo.
Nel forno di Manaus,  dopo gli inni nazionali, l’arbitro olandese Kuipers fischia l’inizio e i tifosi brasiliani sostengono l’Italia. Gli Azzurri cercano subito di prendere in mano la gara e nelle primissime battute si rende pericoloso Darmian che viaggia bene sulla fascia destra. Ma al  4′ risponde l’Inghilterra con un gran tiro di Sterlig che colpisce l’esterno della rete. Al 5′ gran parata di Sirigu su tiro di Herderson.
Italia che fa possesso palla, con  Verratti a cucire e Pirlo a tentare l’imbeccata per Balotelli. All’11′ Inghilterra al tiro con Welbeck dopo un disimpegno di Paletta, la palla finisce fuori. Attaccanti inglesi molto veloci e pericolosi nelle ripartenze. Al 19′ tiro improvviso di Candreva, respinge goffamente Hart.
Al  23′ gran tiro di Balotelli a giro, palla di poco fuori. Un minuto dopo Inghilterra pericolosa: Welbech supera Paletta  in velocità e mette in mezzo, ma Barzagli salva in angolo, anticipando Sturridge. Ancora angolo per gli inglesi dopo un’uscita di Sirigu.
Al 35′ Azzurri in vantaggio: velo di Pirlo e gran destro da circa 30 metri di Marchisio che non lascia scampo ad Hart. Ma al 37′ l’Inghilterra pareggia: bella azione sulla sinistra di Rooney che crossa, Sturridge di controbbalzo mette dentro.
La partita ora si accende. Al 45′ Darmian va al tiro, alto. Al 47′ Balotelli lanciato da Pirlo si allarga, supera Hart in uscita, tenta il pallonetto, ma Jagielka salva sulla linea. Al 48′ Candreva da sinistra rientra, si porta la palla sul destro e colpisce il palo. Italia sfortunata nel finale di tempo. Al 4′ del secondo tempo parata di Sirigu su sinistro di Sturridge. Al 5′ Azzurri di nuovo in vantaggio con Balotelli che di testa sotto misura insacca un perfetto cross di Candreva. Al 9′ Rooney sfiora il palo, bella partita.
Al 12′ Thiago Motta entra al posto di Verratti.
Al 15′ bella azione degli Azzurri con Candreva, ispiratissimo, che serve Balotelli anticipato da Hart. Al 16′ Barkley per Welbeck. Al 17′ Inghilterra pericolosa con Rooney sul filo del fuorigioco. Al 18′ Darmian ha la palla buona in area avversaria, ma la difesa inglese si salva. Sul rovesciamento di fronte è bravo Sirigu. Al 28′ Immobile rileva Balotelli. al 32′ ancora applausi per Sirigu che devia in angolo una punizione di Baines. Al 34′ Parolo fa rifiatare Candreva, tra i migliori. Al 35′ Lallana per Sturridge.
Dagli spalti si risente il po-po-po di Germania 2006 e gli olè accompagnano le azioni finali degli Azzurri. Gli assalti finali degli inglesi non producono nulla, Kuipers concede ben 5 minuti di recupero, ammonito Sterling per fallo su Parolo lanciato a rete.  La gara finisce con gli Azzurri in attacco, Pirlo batte la sua classica punizione e colpisce una clamorosa traversa, che sfortuna.  Proprio allo scadere grande volata di Immobile che viene fermato in area.
E’ finita, gli Azzurri battono ancora l’Inghilterra e si abbracciano felici, insieme a Prandelli e Buffon, entrato in campo. Buona la prima, in attesa della Costarica.

Fonte: Figc

italuss

Amichevole Fluminense – Italia, ultimo test amichevole prima dell”esordio al Mondiale

italussQuesta sera, alle 22:30(ora italiana), l’Italia scenderà in campo contro Il Fluminense, per disputare l’ultimo
incontro di preparazione, prima di esordire sabato 14 Giugno, per il primo incontro del girone D, contro
l’Inghilterra di Roy Hodgson. Proprio in previsione di questo match, il c.t. Cesare Prandelli, anche
stasera sembra orientato a non scoprire le carte della sua nazionale, che scenderà in campo con le
“seconde linee” nel classico modulo, marchio di fabbrica del mister, 4-3-2-1. Tra i pali ci sarà Mattia Perin,
difesa composta da Darmian ed Abate sugli esterni, con Paletta e Ranocchia ad agire da centrali(ancora rinviato quindi
l’esordio di Andrea Barzagli), centrocampo a tre con Aquilani, Parolo e Thiago Motta, con la coppia
Cerci-Insigne che agirà alle spalle dell’unico terminale offensivo, Ciro Immobile.
Questa scelta di formazione è dettata anche per dare minuti in più nelle gambe degli azzurri, visto anche
il torrido clima brasiliano che tutte e 32 le compagini mondiali dovranno affrontare.

genny a carogna

Fiorentina – Napoli, nessuna trattativa di “Genny a carogna” con le forze dell’ordine

genny a carognaSta facendo molto discutere l’agitazione dei tifosi del Napoli all’interno dello stadio Olimpico a pochi minuti dall’orario previsto per l’inizio di Fiorentina-Napoli, finale di Coppa Italia che si è giocata Sabato scorso. In particolare, c’è stato un clamoroso equivoco che ha coinvolto “Genny a carogna”; alcune importanti testate giornalistiche italiane ed estere hanno ipotizzato che il capo degli ultras partenopei abbia ordinato ai dirigenti del Napoli e ad Hamsik di non giocare la partita e che abbia addirittura messo su una trattativa con le forze dell’ordine per consentire o meno il fischio d’inizio  per rispetto del tifoso che per le strade di Roma era stato ferito con arma da fuoco e stava rischiando la vita. In realtà le cose non sono andate in questo modo; Hamsik si è recato dai tifosi azzurri solo per rassicurarli sulle condizioni dell’amico che era in ospedale sotto le cure dei medici. Piuttosto bisognerebbe condannare i fatti accaduti per le strade della Capitale a poche ore dall’inizio della partita. E’ davvero sconcertante che ancora una volta si debba parlare di violenza quando c’è una manifestazione sportiva così bella come una finale di Coppa Italia di calcio. E’ incredibile che ad uno sport così pieno di valori sani e genuini, di passione e di emozioni debbano essere accostati sempre episodi di violenza. E’ giunta l’ora che lo Stato prenda i dovuti provvedimenti per evitare che cose del genere riaccadano. Un punto d’inizio potrebbe essere sicuramente iniziare a dare lavoro e benessere in modo da eliminare l’attuale disagio sociale che coinvolge buona parte della popolazione.

melara

Benevento ok, importante vittoria in chiave play out dell’Arzanese. Il punto

Prima divisione
melaraNella penultima giornata del campionato della prima divisione di Lega Pro girone B, che vedrà decidersi solo negli ultimi 90’ la lotta tra Perugia e Frosinone per la vetta della classifica, tra le formazioni campane impegnate l’unica rimasta in corsa per partecipare ai play-off è il Benevento che grazie alla vittoria casalinga per 3-2 sul Viareggio, e alla contemporanea sconfitta dell’Aquila sul campo del Frosinone, si porta a -2 dagli abruzzesi e può così ancora sperare in un sorpasso al’ultima curva. La Salernitana di Gregucci, fuori da ogni discorso promozione, si toglie lo sfizio di rovinare la festa al Perugia, bloccandolo sul 2-2 e regalando agli spettatori l’emozione della volata per il primo posto tra gli stessi umbri e il Frosinone. Sconfitta senza appello per la Paganese che, travolta per 3-0 sul campo del Catanzaro, evita l’umiliazione dell’ultimo posto in classifica solo grazie alla squalifica inflitta alla Nocerina.

Seconda divisione
ripaGiornata molto positiva per le formazioni campane impegnate nel girone B della seconda divisione del campionato di Lega Pro. La Casertana si impone con un netto 4-0 casalingo sul Chieti e , grazie alla sconfitta del Teramo contro il Messina, si ritrova da sola in testa alla classifica. L’Aversa strappa una bella vittoria in casa del Foggia con uno spettacolare 3-4; bene anche il Sorrento che sul proprio campo si sbarazza del Melfi con un comodo 3-1. L’unica campana a perdere in questo turno è l’Ischia, che non rovina però l’orgoglio regionale dato che gli isolani vengono sconfitti in casa per 0-1 nel derby contro l’Arzanese.


Fatal error: Call to undefined function the_posts_pagination() in /web/htdocs/www.ilcalciocheconta.com/home/wp-content/themes/bhost/index.php on line 35