balotelliÈ tempo di rifondazione in casa Milan. La disastrosa stagione dei rossoneri, che per la prima volta dopo anni rischiano di essere tagliati fuori dalle coppe europee, potrebbe diventare l’occasione per un globale ripensamento degli assetti di squadra e dirigenti della società con sede in via Turati a partire dal prossimo mercato.
Per quanto riguarda la rosa milanista il principale imputato della disfatte rossonere in campionato e champions è senza dubbio Mario Balotelli. Il centravanti della nazionale era stato acquistato nel gennaio 2012 dal Manchester City per colmare il vuoto tecnico lasciato dalla partenza di Ibraimovic. Per il ragazzo l’arrivo a Milano sponda rossonera era stata la realizzazione del sogno di giocare per la squadra per cui aveva tifato sin da bambino. Ma dopo le ottime prestazioni nel corso della passata stagione, grazie alle quali Balotelli aveva trascinato il Milan fino al terzo posto in campionato, quest’anno ci si attendeva da Mario la definitiva maturazione in una squadra costruita intorno al suo indubbio talento.
Ma le cose, come ben sappiamo, sono andate diversamente a causa delle deludenti prestazioni sul campo del numero 45 che, unito al suo discutibile stile di vita, hanno finito per incrinare il rapporto tra Balotelli e l’ambiente milanista facendo presagire una sua prossima cessione.
Nel corso di questa stagione Mario non ha fatto mistero di rimpiangere il campionato inglese ed è proprio da oltremanica che giungono gli interessamenti più concreti per la punta. Secondo indiscrezioni riportate dal Daily Star in pole position per il bad boy ci sarebbe l’Arsenal di Arsene Wenger che sarebbe pronto a sferrare un offerta che si aggira tra 25 e i 30 milioni di euro per riportare Balotelli in Premier League.