CONFERENZA STAMPA WALTER MAZZARRIApriamo il riepilogo della 23ma giornata di serie A parlando del pareggio ottenuto in extremis dal Verona contro la Juventus capolista; il risultato del Bentegodi pur non cambiando niente nella lotta per il vertice, causa omologo risultato della Roma nel derby con la Lazio, rappresenta comunque una notizia degna di nota visto che stiamo parlando di una squadra che ha vinto 13 delle ultime 15 partite, e sono in molti a sperare che la rimonta subita rappresenti il segnale di qualche crepa nell’ invincibile armata guidata da Antonio Conte.

Ad aprrofittare dello stop delle prime due della classe sono state Napoli e Fiorentina, che vincendo in casa contro Milan e Atalanta, hanno rosicchiato 2 punti alla Roma facendo prospettare una volata a 3 per i posizionamenti Champions.

Alle spalle delle prime, mentre l’Inter coglie la prima vittoria del 2014, il nuovo Milan di Seedorf al suo primo appuntamento con una grande mostra quanto i suoi problemi non siamo magicamente svaniti con l’arrivo dell’ olandese a Milanello; a questo punto ai rossoneri tocca mettersi a lavorare sul serio per provare a centrare almeno la qualificazione alla prossima Europa League.

A puntare alla seconda competizione europea non ci sono infatti solo le milanesi; tra le altre pretendenti, a parte l’ottimo Verona che ha bloccato la Juve, fanno registrare un passo indietro Parma e Torino che mancano l’appuntamento con i 3 punti rispettivamente contro Catania e Bologna, 2 squadre in lotta per la salvezza. Nel centro classifica sono degni di nota i successi ottenuti dalle formazioni di Genova, dimostrando ancora di essere le 2 squadre che più hanno beneficiato del cambio di allenatore.

Nella lotta per non retrocedere assume doppia valenza il già citato exploit del Bologna a Torino; infatti non solo i rossoblu sono l’unica tra le ultime sei della classifica ad aver vinto in questo turno, ma simbolicamente il successo contro i granata è la miglior risposta che i ragazzi di Davide Ballardini potesse offrire dopo il trumatico addio del capitano Diamanti.