saveriomadrigaliQuesta settimana il cacciatore di futuri campioni de “Il calcio che conta” è tornato a fare vista al vivaio della Fiorentina, che si sta evidenziando come uno dei più floridi dell’intero panorama calcistico italiano.
Il nome nuovo che vi proponiamo questa settimana è quello di Saverio Madrigali, difensore centrale nato a Pisa il 28 gennaio 1995. Madrigali ha iniziato la sua storia calcistica in una piccola scuola calcio pisana fino a che, all’età di 12 anni, gli osservatori della Fiorentina decidono di portarlo nella squadra degli Allievi Nazionali della società viola. Qui a suon di prestazioni esaltanti, con cui si guadagna anche la fascia di capitano,inizia quella che sembra essere un inarrestabile ascesa verso il calcio professionistico. È qui però che la sfortuna gli tira un brutto scherzo, infatti, in un match tra le rappresentative under 17 di Italia e Germania, Madrigali si procura un infortunio al legamento del crociato anteriore che lo tiene lontano dai campi da gioco per diversi mesi.
Ma al ragazzo non fa difetto la personalità e, grazie all’impegno dimostrato durante la fase di riabilitazione, nell’estate 2012 Leonardo Semplici decide di aggregarlo alla rosa della Primavera. Qui a Madrigali bastano poche gare per diventare un punto fermo della squadra, e le sue prestazioni non sfuggono a Vincenzo Montella che in più di un occasione , pur senza farlo mai esordire, decide di convocarlo in prima squadra.
Le qualità tecniche di Madrigali sono quelle di un difensore centrale dotato di grande fisicità, senso tattico, molto forte nei colpi di testa e nei recuperi in scivolata. Non è particolarmente veloce ma è comunque dotato di una buona accelerazione, inoltre grazie alla qualità dei suoi piedi è in grado di impostare l’azione dalla retroguardia con grande precisione, caratteristica fondamentale per i difensori moderni.
Ma al di la delle doti tecniche, ciò che impressiona in Madrigali è una personalità fuori dal comune per i giocatori della sua età, il ragazzo gioca sempre a testa alta e riesce a guidare il reparto difensivo con il piglio forte tipico dei grandi leader.
Quest’anno Madrigali sta disputando un eccellente stagione, in cui ha collezionato 14 presenze mettendo anche a segno 3 gol. La Fiorentina è seriamente intenzionata a puntare su di lui per il futuro e lui, consapevole di possedere talento e testa, aspetta senza ansia che la sua arrivi la sua occasione.