puteolanaNiente da fare; la Puteolana continua nel suo momento nero ed incappa nell’ennesima sconfitta, per giunta tra le mura amiche contro la Sarnese. Dopo le incoraggianti vittorie ottenute con Pomigliano e Arzanese, proprio nel momento di fare quel passo in più per scalare la classifica, i granata incappano nella seconda sconfitta consecutiva dopo la debacle in terra pugliese della scorsa domenica.

IL MATCH – Il coach flegreo schiera il consueto 4-3-2-1 e la prima mezz’ora di gioco è avara di occasioni con entrambe le compagini che si studiano senza scoprirsi. Le prime emozioni vengono regalate dal direttore in campo che dopo appena 33 minuti manda negli spogliatoi Liberti per doppio giallo, il secondo arrivato per un fallo di mano del difensore flegreo. Quattro minuti dopo arriva il vantaggio ospite grazie ad Esposito che trasforma un penalty assegnato dal signor Di Cairano.

Nella ripresa i granata cercano la scossa con Esperimento che prende il posto di Sorrentino ma il copione non cambia. E’ ancora la Sarnese a rendersi pericolosa con il palo di Di Palma. Il più attivo della Puteolana è sicuramente Simeri, che crea non pochi grattacapi alla difesa ospite senza però riuscire a trovare la via della rete. Ad un quarto d’ora dal termine la Sarnese potrebbe chiudere il match, ma prima Marcucci e poi Savarese sprecano il match point. Izzo e ancora Simeri sfiorano la rete del possibile pareggio e l’incontro si conclude con il triplice fischio del direttore di gara che sancisce la sconfitta dei granata, ancora penultimi ad un punto dalla terz’ultima piazza.

Nel dopo gara mister Ciro Muro non nasconde la sua amarezza per la partita: “L’espulsione ci ha tagliato un po’ le gambe. È stata una decisione affrettata quella dell’arbitro ed il mio rammarico sta nel fatto che ben sei nostri giocatori sono stati ammoniti, non so cosa abbia contro la Puteolana. Nel momento in cui ho chiesto spiegazioni, l’arbitro si è messo pure a ridere e questo non è assolutamente bello. Il mio pensiero iniziale era quello di far giocare Manfrellotti in attacco per dare un po’ di forza alla squadra su un campo bagnato come quello di oggi, ma allo stesso tempo volevo dare la possibilità al trio composto da Sorrentino, Izzo e Simeri di sfruttare la loro velocità con una difesa un po’ lenta come quella della Sarnese. È stata una partita in cui noi anche in dieci uomini abbiamo avuto diverse occasioni. In particolare con Simeri nel secondo tempo e se riuscivamo a sfruttarle meglio potevamo anche pareggiare la partita. Comunque guardiamo avanti dato che il cammino è ancora lungo, e con questa grinta e con la voglia, ci sarà la possibilità di giocarcela fino alla fine”.