Muro-CiroLa Puteolana continua la preparazione in vista della gara casalinga (la seconda consecutiva) che domenica 25 la vedrà opposta alla settima forza del campionato, il Gelbison. Nonostante l’ultima posizione in classifica occupata dai flegrei, la sfida salvezza sembra ancora possibile visto il calendario che appare favorevole ai granata contro avversari diretti per la permanenza in serie D. Per l’incontro di dopodomani, mister Ciro Muro avrà a disposizione il roster al gran completo, grazie al recupero dell’infortunato Biondi (che si allena già con il gruppo), fatta eccezione per lo squalificato Iaccarino. Ieri i diavoli hanno disputato al campo “Kennedy” una partitella in famiglia conclusasi 7 a 0. In gran spolvero sono apparsi Manna, Sorrentino e Mazzeo, autori di una doppietta. Hanno ben figurato anche Izzo e la Torre, ma nel complesso tutto il gruppo è parso motivato e pronto a lottare fino all’ultimo per raggiungere una salvezza che ad oggi appare molto complicata.

Probabilmente la Puteolana domanica scenderà in campo con il consueto 4-2-3-1 con il tridente formato da Babù, Sorrentino ed Izzo a supporto di Mazzeo scherato da unica punta. Il match contro i lucani saraà diretto dal signor Rutella di Enna assistito sulle fasce da Pallini e Galluccio, entrambi di Avellino. E, a proposito di arbitri, i granata hanno espresso, attraverso una nota sul proprio sito ufficiale, il disappunto riguardo le ultime direzione delle loro partite: “La SSD Puteolana 1902, dopo qualche giorno di riflessione, ribadisce il proprio disappunto circa le direzioni arbitrali di questa stagione, che in tante, troppe occasioni, hanno condizionato lo svolgimento delle partite e in alcuni case, orientato irrimediabilmente il risultato delle stesse. Gli errori fanno parte del gioco, ma la sfilza di rigori contro, espulsioni, squalifiche e gol annullati, fanno pensare a qualcosa che esula dalla normale casistica. Ricordiamo tralaltro che nonostante molti episodi dubbi, due dei quali nella sola gara col Manfredonia, la Puteolana non ha ancora ottenuto un calcio di rigore a favore. Come già sottolineato dal presidente Gennaro Capuano nell’immediato postpartita di Puteolana-Manfredonia, la società merita e pretende rispetto in virtù degli enormi sacrifici messi in atto per disputare il Campionato di Serie D ed in virtù del fatto (e forse qualcuno l’ha dimenticato) che la Puteolana rappresenta una città di oltre 90 mila abitanti e vanta una storia calcistica ultracentenaria. La Puteolana, dunque, chiede rispetto anche per gli innumerevoli tifosi che seguono le sorti della squadra dagli angoli più remoti del mondo, come testimoniano i dati riguardanti le visite al proprio Sito Internet Ufficiale“.