potenzaputeolana2La Puteolana centra il colpaccio esterno e si rilancia prepotentemente in classifica. Quella di Domenica è una vittoria merito dello spirito di sacrificio ed abnegazione che mister Potenza è riuscito ad infondere a questi ragazzi. Andiamo all’analisi del match: soliti problemi in casa granata, il tecnico deve rinunciare a ben 4 squalificati e 5 fermi ai box per infortuni; i padroni di casa invece non possono contare sulle prestazioni di Leo e Lacarra squalificati e gli infortunati Portosi, Compierchio e La Porta. Pronti via e i padroni di casa di rendono subito pericolosissimi con Coccia, che sciupa una grande occasione. È il preludio alla rete del vantaggio pugliese con Pollidori al 9’, il giocatore del Manfredonia è abilissimo a girare in rete un cross di Romito che non lascia scampo all’estremo difensore. La Puteolana cerca subito di ripartire con il più pericoloso dei suoi, Gaetano Manco che in un paio di occasioni ci prova da fuori area senza però trovare la rete. Al minuto 38 arriva il meritato pareggio ospite: dopo una mischia in area, in cui è ancora Manco a creare scompiglio, il più lesto di tutti è Siciliano che con un bolide sotto la traversa ristabilisce la parità. Nel finale della prima frazione si accendono gli animi in campo e a farne le spese sono Loiacono e Siciliano: il primo subisce un colpo a volto e il secondo viene ammonito. Dopo la pausa i padroni di casa partono subito a mille per riagguantare il vantaggio rendendosi subito pericolosi con Palazzo che spedisce di testa la sfera di poco a lato. Al minuto 65´ è ancora Gaetano Manco a rendersi protagonista con un assist al bacio per Fioretti che a tu per tu con il portiere viene steso da quest’ultimo con conseguente espulsione e tiro dagli undici metri per i diavoli; a presentarsi sul dischetto è proprio Manco che trafigge in neo entrato portiere portando i suoi in vantaggio. I padroni di casa reagiscono e al 75´ per poco Pollidori non fa doppietta: il colpo di testa del difensore del Manfredonia finisce fuori di pochissimo. All´82 Despucches salva la sua porta con una bella uscita su Coccia, ma la sua gioia dura ben poco in quanto pochi minuti dopo viene espulso dal direttore di gara per proteste. Nei minuti finale è la difesa flegrea a salire in cattedra con capitan Signore che dopo la lunga assenza ritorna protagonista con due interventi decisivi che evitano il pareggio pugliese. Ottava partita senza sconfitte e entusiasmo che continua a crescere anche a giudicare dalle parole del numero uno granata Simeoli: “Voglio dedicare questa splendida vittoria ai nostri tifosi. Purtroppo i supporters granata non hanno potuto vivere allo stadio questa grande gioia a causa di un divieto ingiusto. E´ stata una vittoria bellissima e nel segno dei giovani. Come ho già detto nella conferenza stampa di presentazione i giovani sono il futuro e la Puteolana punterà molto su di loro. Devo complimentarmi con tutti coloro che fanno parte della società perché stanno facendo grandissime cose. Inoltre ci tengo a ringraziare il Manfredonia nelle persone del presidente Sdanga e del direttore generale Di Toro: siamo stati accolti in maniera eccezionale”.