foto despucchesIn uno stadio “Arturo Collana” deserto, a causa della decisione del giudice sportivo di far disputare il match a porte chiuse,
la Puteolana riesce a strappare un prezioso pareggio contro la Turris, per continuare a sperare nella salvezza tramite play-out.
L’avvio vede i padroni di casa rendersi pericolosi a più riprese con Lucchese e Croce protagonisti, che mettono in difficoltà la
rimaneggiata difesa granata, gli ospiti non riescono a rendersi pericolosi e ancora Croce al 29′ minuto si trova da solo davanti a Despucches che ancora una volta si dimostra uno dei migliori in campo respingendo la conclusione a botta sicura della punta.L’unica occasione degna di nota dei flegrei arriva poco prima del 45′ con Foggia che concludendo di destro, costringe l’estremo difensore a deviare in corner. Nella ripresa, sotto una pioggia battente, il match si fa più equilibrato con ghiotte occasioni da ambo le parti;
prima Moxedano e poi Lucchese impegnano ancora Despucches senza trovare la via della rete ed al 73′ gli ospiti sbloccano il risultato:
D´Ascia lancia in verticale Manco che sfugge al suo marcatore e batte Liccardo. il vantaggio però dura pochissimo, perchè appena
5 minuti dopo la Turris trova il pareggio grazie a Croce che sfrutta un disimpegno errato della difesa granata per battere il portiere e ristabilire la parità. Le squadre restano in dieci uomini per le espulsioni di Iovinella (85´) e Pignalosa (90´),
entrambe comminate per somma di ammonizione.Pirma del termine ancora occasioni da entrambe le parti, ma sia D’Auria che Croce
non trovano la mira giusta e l’incontro finisce con un giusto pareggio. Nel post partita mister Vincenzo Potenza è soddisfatto
della prestazione dei suoi: Bisogna essere sempre razionali e sereni nell´analizzare le partite . Poteva arrivare la vittoria perché siamo andati in vantaggio, però anche la Turris poteva conquistare i tre punti, visto che ha costruito diverse occasioni. Il calcio è fatto di episodi e l´episodio ci ha dato ragione. Ci vuole un po´ di fortuna anche per realizzare imprese del genere. Non mi stancherò mai di ringraziare i miei ragazzi per il cuore che hanno dimostrato anche oggi. Con la Turris tutti si sono sacrificati per la causa, giocando in ruoli non propri. Voglio fare loro i complimenti perché non hanno mai smesso di lavorare con impegno e di credere nella nostra salvezza, anche se il nostro campionato è andato in questo modo. Sono stanco di sentir parlare delle pessime condizioni dei terreni di gioco. Una squadra che deve salvarsi deve essere in grado di giocare anche nei parcheggi. Dobbiamo lottare per la salvezza con tutte le nostre forze: lo dobbiamo ai nostri tifosi che ci hanno sostenuto nei momenti di difficoltà. Tutti abbiamo deluso le loro aspettative in quest´annata particolare e dobbiamo conquistare la salvezza a tutti i costi, sperando poi che per la Puteolana ci sia un futuro migliore. Il finale di campionato? Il nostro girone è il più difficile d´Italia e bisogna stare sul pezzo in ogni gara. Ci tengo a fare i complimenti al Bisceglie, in particolar modo al suo allenatore Prayer e al capitano Zotti: così come avevano annunciato dieci giorni fa al “Conte” , oggi hanno dimostrato la loro professionalità. Questo fa onore al calcio e allo sport intero”.