capuanoLa crisi in casa Puteolana è ufficialmente aperta: dopo la sconfitta rimediata a Vallo Della Lucania, contro la Gelbison per due reti a zero, l’ormai ex-presidente granata, Gennaro Capuano ha rassegnato le proprie dimissioni da patron del club. Con un comunicato ufficiale sul sito flegreo, Capuano ha commentato amaramente il suo addio: “Dopo 3 anni vissuti nel “mondo del calcio”, mi sono accorto che questo mondo non mi appartiene. Mondo senza parole mantenute e senza dignità, cose che non rispecchiano le mie qualità di uomo e di imprenditore. Mondo pieno di compromessi da accettare, cose delle quali non vado fiero. Ringrazio tutti per la stima ed il supporto che hanno posto in me. Personalmente rimarrò sempre legato sentimentalmente alla Città di Pozzuoli ed alla Puteolana 1902. Mi auguro per la Puteolana 1902 tanti successi sportivi, in quanto è una squadra che merita e che deve fare onore alla propria Città.” Anche il direttore sportivo,Carmine Ennio, legato a doppio filo con Capuano, ha affermato che prenderà qualche giorno di tempo per riflettere sulla sua carica, e decidere se rimanere o meno. Per quanto riguarda il match disputato ieri a Vallo, i granata sono cadutti sotto i colpi di Gala e Varriale, nonostante i padroni di casa fossero rimasti in 10 uomini dal 34′ minuto. I granata sono apparsi confusi e poco ordinati sul terreno di gioco, ne è conferma il numero quasi vicino allo zero di occasioni da gol. Una rete per tempo, quindi è bastata ai padroni di casa per regolare la pratica senza patemi d’animo. La Puteolan rimane cosìal terz’ultimo posto in classifica a quota 1; nel post partita mister Michele Cimmino commenta così la debacle dei suoi: “Siamo rimasti in partita fino alla fine, anche sullo zero a zero abbiamo sfiorato il gol ma alla fine quando vuoi pareggiare anche in dieci contro undici, prendi il secondo gol che ti taglia le gambe. La nostra squadra ha bisogno di rinforzi perchè il campionato è duro. La Gelbison che non ha obiettivi di primato ha una squadra importante con giocatori come Tricarico, Varriale, Cacace, Vitri, Manzillo, Spicuzza. Sul mercato? Ora ci dobbiamo adeguare a quello che è rimasto e quindi al mercato degli svincolati. Oggi la squadra ha attaccato però è troppo giovane, confusionaria. Abbiamo bisogno di tre pedine e speriamo che il presidente faccia questo sacrificio perchè con tre pedine noi ci salveremo sicuramente, altrimenti sarà difficile”.