SANYO DIGITAL CAMERAI granata chiudono male il 2013 con una sconfitta al “Fanuzzi” di Brindisi per 2 reti a 0. Partita brutta e sfortunata per i ragazzi di Potenza che chiudono quindi l’anno solare con 16 punti ed una posizione che scotta nella graduatoria. L’obiettivo è ripartire subito contro il San Severo per continuare ad inseguire l’obiettivo salvezza, che è comunque alla portata dei flegrei.
La Puteolana può contare su un gruppo coeso che ha dimostrato di poter dare fastidio anche alle big del girone, centrando vittorie importanti sia in casa che in trasferta; la rosa sembra competitiva ed all’altezza della situazione, grazie anche alla gestione del nuovo patron, Simeoli, che sta dimostrando con i fatti di essere fortemente legato alla città ed alla squadra. Il coach ha concesso una mini-vacanza ai giocatori fino a Venerdì 27, giorno in cui il team riprenderà gli allenamenti in vista della prossima sfida. Enzo Potenza non nasconde comunque la delusione per la chiusura non proprio positiva dell’anno: Abbiamo sicuramente punto poco però credo che abbiamo iniziato bene la gara comandandola, gestendola e non rischiando nelle prime battute di gioco. Sono molto arrabbiato perché abbiamo preso il primo goal su rinvio del nostro portiere. Sulla punizione del raddoppio siamo stati molto ingenui a farci allungare la barriera di altri quattro uomini. Per il resto ce la siamo giocata ad armi pari e non penso che siamo stati dominati dal Brindisi.
In maniera onesta e coerente bisogna dire che stiamo pagando la lunga rincorsa che abbiamo fatto per risalire in classifica.
Potevamo fare una prestazione dello stesso livello del nostro inizio di partita. A differenza di quanto avvenuto in passato, una volta andati sotto non siamo riusciti a reagire e abbiamo fatto poco. Nell´intervallo ho detto ai ragazzi che dovevamo creare due occasioni per giocarcela fino alla fine: le opportunità sono arrivate con Foggia e Perrella, ma non siamo riusciti a sfruttarle. Questo è il mio rammarico e che mi fa rabbia, perché alla fine del primo tempo pensavo ci fossero tutti i presupposti per risalire la china.
Il Brindisi ha fatto la sua onesta partita, ha capitalizzato le due occasioni create e poi a pochi minuti dalla fine ha sfiorato il terzo goal in ripartenza. La Puteolana è venuta in Puglia per fare la partita, ci stava riuscendo, poi un episodio l´ha cambiata e il nostro avversario è stato bravo a gestirla. Le occasioni che abbiamo creato nella ripresa potevano anche essere sbagliate, ma mi interessava che noi credessimo di poter fare qualcosa in più nel secondo tempo rispetto alla prima parte”.