Muro-CiroPiccoli segnali di ripresa in casa Puteolana, l’incontro di ieri contro il Bisceglie si è concluso con il risultato di 1 a 1 permettendo ai flegrei di smuovere un po’ la classifica, ma soprattutto di rialzare la testa risollevando il morale. Nei primi 15 minuti di match le due squadre si sfidano a viso aperto con occasioni da ambo le parti, ed al minuto 22 sono i padroni di casa ad andare in rete, ma su segnalazione dell’assistente il direttore di gara annulla il tutto per offside. 5 minuti dopo arriva la doccia fredda del vantaggio pugliese grazie a Logrieco che approfitta di un’errore difensivo per infilare senza problemi Despucches. I granata reagiscono subito al minuto 31 con Manfrellotti che stacca di testa costringendo l’estremo difensore ospite a deviare la sfera in angolo; proprio sul corner arriva il meritato pareggio ad opera di Vacca che arriva prima di tutto sulla sfera depositandola in rete. La ripresa è ancora molto vivace e la Puteolana si fa vedere ancora in attacco con Izzo che arriva al limite dell’area mancando di poco lo specchio con un bel tiro. Il forcing del Bisceglie ora si fa insistente alla ricerca della rete del raddoppio ma i diavoli sono bravi a resistere conquistando un punto d’oro. A fine incontro mister Muro è molto soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi: ”La mia squadra oggi ha messo in campo il cuore e l’anima provando anche a vincere la partita. C’è da dire che abbiamo affrontato una signora squadra, che ha in organico dei calciatori importanti e che lotterà per la vittoria del campionato. La gara non era affatto facile, però i miei giocatori si sono comportati bene e hanno fatto la loro parte. La Puteolana ha una rosa che può essere migliorata e credo che valga la pena farlo. Dobbiamo dare fiducia e soddisfazione alle persone che vengono a vederci allo stadio e col Bisceglie anche grazie al sostegno dei nostri tifosi avremmo potuto fare qualcosa in più. Ora bisogna trovare una certa continuità di risultati e dobbiamo mettere la stessa determinazione anche fuori casa, giocando la nostra partita senza alcuna paura. Occorre coraggio, perché se ci si difende soltanto il gol prima o poi lo si subisce. Sono qui da poco più di una settimana e continuerò a lavorare anche per migliorare la tenuta atletica della squadra”.