procida-aereaClamorosa sconfitta per il Procida che viene umiliato al “Mario Spinetti” dalla Virtus Volla. I napoletani siglano addirittura sei gol sul sintetico dell’isola di Graziella rimarcando, come se ce ne fosse ancora bisogno, il periodo di crisi irreversibile nel quale è entrata la squadra isolana. Invertire la rosa sembra, a questo punto, impresa impossibile ma i biancorossi non devono arrendersi per coltivare le residue speranze di salvezza. Cibelli deve rinunciare a Tony Costagliola, Marigliano (infortunati) e allo squalificato Sasà Fiorillo. Giò Cibelli e Lorenzo Costagliola accompagnano D’Auria in attacco mentre a centrocampo Minauda gioca tra Muro ed Aprile. In difesa nuovamente spazio a Malgieri al fianco di Vallefuoco con Bardet che rientra tra i pali. La Virtus Volla, fresca di eliminazione dalla fase nazionale della coppa Italia, deve rinunciare allo squalificato Sergio Barone e schiera Carnicelli in attacco con Polverino e Gioielli a supporto. In cabina di regia c’è Vitagliano con Avolio e Florio ai suoi lati. Il vantaggio ospite arriva al 21’ con un penalty di Vitagliano concesso per un dubbio fallo di mano all’ingresso dell’area di rigore. La decisione arbitrale porta alle ammonizioni, per proteste, di Malgieri ed Aprile. Passano soltanto due minuti e Carnicelli raddoppia sfruttando un errore di disimpegno di Aprile e battendo Bardet dopo un dribbling su Vallefuoco. I biancorossi non reagiscono e al 40’ restano addirittura in dieci per l’espulsione, per doppia ammonizione, di Malgieri dopo un fallo su Carnicelli alquanto dubbio. La situazione è ormai compromessa per il Procida e peggiora anche nel secondo tempo quando al 7’ Marco Liccardi batte di testa Bardet finalizzando un cross di Avolio. Passa qualche minuto ed arriva anche il poker, con Florio, che chiude definitivamente la gara. A rendere meno amaro il passivo è Davide Vallefuoco che sigla la terza rete stagionale svettando di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ma la Virtus Volla non ha pietà e nel finale completa la giornata negativa del Procida spingendo nuovamente il piede sull’acceleratore. Al 26’ Visaggio sbaglia il posizionamento tenendo in gioco Carlo Gioielli che si invola verso la porta biancorossa e batte Bardet senza alcun problemi. Nell’occasione viene anche espulso dalla panchina il giovane attaccante Giò Cibelli, per poteste. Al 38’ arriva addirittura il sesto gol della formazione napoletano con Mimmo Avolio che sfrutta nel migliore dei modo un assist di Liccardi. Finisce 6-1 per il Volla che porta a casa set e partita e fa sprofondare ancora di più il Procida.

Procida: Bardet 5.5, Visaggio 5, Botta 5, Aprile 5 (Barone sv), Vallefuoco 6, Malgieri 4.5, Muro 5 (Costagliola A. 5.5), Minauda 5.5, D’Auria 5, Cibelli 4.5 (Spadera 5), Costagliola L 5. (In panchina Scotto, Lubrano Lavadera, Autiero, De Gregorio) All. Cibelli 5

Volla: Pardo sv, Ammaturo 6 (Fontanarosa6), Polverino 7.5, Vitagliano 6.5, Biancolino 6, Aliperta 6, Loreto 6, Avolio 7, Carnicelli 6.5 (Liccardi6.5), Gioielli 7, Florio 7(Fiengo6). (In panchina Navarra, Silvestro, Prisco, Masturzo) All. Di Michele 7

RETI: 21’ Vitaliano, 23’Carnicelli, 52’ Liccardi, 65’ Florio, 67’ Vallefuoco, 71 Gioielli, 83 Avolio

ARBITRO: Cagno di Napoli. Assistenti: Nasti e Marchese di Napoli

NOTE: calci d’angolo 10-3 per il Volla. Ammoniti Aprile, Cibelli, Carnicelli. Espulsi: 40’ Malgieri per somma di ammonizioni e al  71’ Cibelli (dalla panchina)