FBL-ITA-SERIEA-NAPOLI-CARPI

Ottavo successo consecutivo per gli azzurri

 

Il Napoli vince 1-0 la gara del San Paolo (stadio gremito ad eccezione della Curva A chiusa per squalifica) contro il Carpi.  Partono subito bene gli azzurri con il solito Gonzalo Higuain che prova ad impensierire la difesa emiliana, dopo aver affondato in aria di rigore, sfoderando un tiro angolato deviato a malapena da Belec. Poco dopo ci riprova El Pipita, ma il tiro è fiacco e non impensierisce più di tanto il poritere ospite. Al ventiquattresimo proteste azzurre per una trattenuta in area di Sabelli su Callejon, l’arbitro Doveri non concede un evidente calcio di rigore per i padroni di casa. Gli ospiti si presentano al San Paolo con una difesa blindatissima sfruttando la tattica delle ripartenze ma senza impensierire la retroguardia azzurra. Alla mezz’ora il Carpi si rende pericoloso con Lasagna, ma è l’unica azione saliente del primo tempo per la squadra di Castori. Termina a reti bianche la prima frazione di gioco.

Il secondo tempo si riapre senza sostituzioni da parte dei due allenatori. Il Napoli continua a macinare gioco e sfiora il vantaggio con Koulibaly assistito in aria di rigore da Valdifiori. Poco dopo arriva l’inserimento vincente di Callejon con suggerimento di Marek Hamsik, ma l’assistente alza la bandierina per fuorigioco inesistente. Al 57’ l’arbitro Doveri espelle Bianco (doppio giallo) per una presunta spinta su Insigne, ma la prestazione del giudice di gara si rivela non del tutto efficace, poiché l’autore del fallo era Zaccardo. A questo punto i ragazzi di Sarri ne approfittano dell’inferiorità numerica degli avversari ed il goal è nell’aria. Al 69′ Daprelà  trattiene vistosamente Koulibaly sotto gli occhi di Doveri, che non può non fischiare un calcio di rigore che Higuaín trasforma con freddezza.

Al 78′ El Pipita potrebbe fare doppietta: Insigne lo smarca davanti a Belec, prova un pallonetto che gli riesce male e finisce per passare il pallone al portiere del Carpi. Resta il tempo per una botta dal limite di Lasagna, che mette qualche brivido all’inoperoso Reina, poi il Napoli congela il possesso palla e riesce a portare a casa un successo prezioso, pur senza brillare.

Ottava vittoria consecutiva per gli azzurri che restano in vetta alla classifica a due punti dalla Juventus. Camminano a braccetto le due compagini che si sfideranno sabato sera (ore 20.45) allo “Stadium”.