cassanoNapoli – Il Parma di Donadoni espugna il San Paolo, grazie ad un goal di Cassano arrivato dopo una partita di sacrificio fatta di contenimento e ripartenze. Una lezione di calcio dell’ex allenatore del Napoli che ha presentato una squadra compatta e che ha tenuto benissimo il campo. Troppa presunzione invece in casa Napoli; un undici, quello azzurro, spezzato in due tronchi: i quattro di difesa e ben sei uomini (compresi i due mediani) in avanti. Il centrocampo non copriva sufficientemente la difesa e allo stesso tempo non riusciva ad essere incisivo in fase offensiva. Un altro aspetto decisivo è stata la maggior brillantezza atletica degli emiliani rispetto agli azzurri. Una condizione quella dei partenopei abbastanza approssimativa, segno che probabilmente bisogna iniziare un pò a correre e mettere benzina nella gambe in allenamento e non solo giocare con la palla ai piedi. Rafa Benitez resta un maestro di calcio ma è tempo di cominciare a lavorare per più tempo in quel di Castelvolurno anzichè concedere tanti giorni di festa ad un gruppo di calciatori super pagati. Tutto ciò senza dimenticare che Martedì sera c’è una partita decisiva per la qualificazione agli ottavi di Champions; bisogna tornare da Dortmund con un risultato positivo per assicurarsi uno dei primi due posti del girone di Coppa.