mazzarriarrabbiatoNapoli – Da circa due settimane, quando tutti i media parlavano di Napoli in lotta per lo scudetto, Ilcalciocheconta in diversi articoli invitava gli azzurri a preservare il secondo posto. Dopo la caduta della squadra di Mazzarri a Verona con il Chievo, il ridimensionamento degli obiettivi stagionali appare evidente agli occhi di tutti. Se non altro, tutto lascia pensare che a Maggio lo scudetto sarà ricucito sulla maglia a strisce bianconere. Lo stesso tecnico dei partenopei parla di un Napoli che deve arrivare nelle prime cinque posizioni, cosa inaccettabile. Cavani e compagni hanno l’obbligo di dare il massimo e di puntare come obiettivo minimo stagionale al secondo posto. E’ impensabile che dopo essere usciti dalla Coppa Italia e dopo aver abbandonato l’Europa League, si tirino i remi in barca anche in campionato. Serve una scossa soprattutto perche gli azzurri ieri sono apparsi bloccati sul piano mentale. La svolta dovrebbe darla De Laurentis che dovrebbe convocare Mazzarri e invitarlo a fare immediatamente chiarezza sul suo futuro onde evitare incertezze e cali di motivazioni da parte dei giocatori in rosa. Se il tecnico toscano continuerebbe a non dare garanzie, il presidente dovrebbe mandarlo via subito e ripartire immediatamente con un nuovo progetto tecnico. Finora si poteva pensare che ci fosse un calo fisico, che i campi in cattive condizioni e pesanti per la stagione invernale avessero penalizzato il Napoli, ma dopo il match di ieri è evidente che c’è qualcosa che non funziona. La manovra appare prevedibile, le squadre avversarie si chiudono e quando ripartono fanno sempre male. E che non si parli di cattiva sorte in quanto i team che stanno ottenendo risultati positivi contro gli azzurri lo stanno facendo meritando ampiamente. Una vittoria nella prossima giornata di campionato contro l’Atalanta potrebbe far dimenticare tutti i discorsi fatti oggi, ma allo stato attuale questo è il quadro della situazione.