sanpaolochampionsNapoli – Siamo giunti alla vigilia di Napoli-Arsenal, gara decisiva per il passaggio del girone e la conquista degli ottavi di finale di Champions League. Gli azzurri, in caso di vittoria del Borussia Dortmund sul campo del Marsiglia, devono vincere con tre goal di scarto sugli inglesi per centrare la qualificazione. Un’impresa a cui crede Rafa Benitez, così come è emerso dalla conferenza stampa di questa mattina. Il tecnico spagnolo, con l’ottimismo che lo contraddistingue, sta cercando di imprimere positività e la convinzione di potercela fare ai suoi calciatori. Una cosa è certa, il Napoli ci deve provare fino al novantesimo minuto e se le cose non dovessero andare come si spera, ci sarà un’Europa League da giocare e provare a vincere. Lo dovrà fare ancora una volta senza Hamsik che non è stato convocato perche non ha ancora recuperato dal problema al piede che lo ha costretto a saltare le ultime partite giocate dagli azzurri. Non ci saranno nemmeno gli infortunati di lungo corso Mesto e Zuniga. Ci sarà invece El Pipita Higuain che oggi compie 26 anni e chissà che domani non voglia festeggiare nel migliore dei modi realizzando uno o più goal decisivi per la qualificazione. Per il resto, confermato il blocco che offre maggiori garanzie al tecnico spagnolo in questo momento con Maggio, Albiol, Armero ed uno tra Britos e Fernandez davanti a Reina, Behrami e Inler in mezzo al campo e Callejon, Pandev ed uno tra Insigne e Mertens a supportare Higuain nell’ ormai consolidato 4-2-3-1 che a quanto pare, è e sarà il modulo base del Napoli fino a quando ci sarà Rafa Benitez a guidare i partenopei, come ha lasciato intendere il tecnico spagnolo nelle sue dichiarazioni di questa mattina nelle quali con un simpatico esempio ha fatto capire che si andrà avanti con le sue convinzioni e non verranno mai ascoltate le voci di giornalisti e opinionisti vari che pubblicizzano il 4-3-3 o altri sistemi di gioco per questo Napoli.

I convocati

Reina, Rafael, Colombo, Albiol, Armero, Britos, Cannavaro, Fernandez, Uvini, Behrami, Dzemaili, Maggio, Inler, Radosevic, Callejon, Duvan, Higuain, Insigne, Mertens, Pandev.

La probabile formazione

(4-2-3-1) Reina; Maggio, Albiol, Britos, Armero; Behrami, Inler; Callejon, Pandev, Insigne; Higuain