Soccer: Europa League; Napoli-PortoNapoli – Non è bastata la grande cornice di pubblico presente al San Paolo per trascinare il Napoli ai quarti di finale di Europa League. Dopo il vantaggio iniziale di Pandev, arrivato dopo altre due palle-goal fallite in avvio di gara, gli azzurri hanno sfiorato il raddoppio in altre due occasioni prima di subire la rete di Ghilas, entrato da poco sul terreno di gioco e subito dopo il goal di Quaresma che ha definitivamente spezzato le gambe ai partenopei. Nel finale di partita Callejon e Zapata, subentrati a gara in corso hanno collezionato la rete del definitivo 2-2, con lo spagnolo che ha servito l’assist ed il colombiano che ha insaccato. A fine gara la squadra di Benitez è uscita tra gli applausi del San Paolo; tifosi che hanno apprezzato il gioco espresso dai calciatori del Napoli ma soprattutto l’impegno profuso da questi. Il calcio purtroppo è così, se non si butta la palla dentro può succedere che la squadra avversaria alla prima occasione fa goal, è un copione già visto tante volte. Sul piano tecnico e tattico sono emerse alcune indicazioni importanti; Pandev che ha giocato nel ruolo di Hamsik ha dimostrato che in quella posizione si può fare goal pertanto chi sosteneva la tesi che Marek fosse penalizzato dalla collocazione tattica di Benitez dovrà rivedere le sue idee. Napoli dunque che per questa stagione saluta l’Europa ma che potrà disputare una finale di Coppa Italia, occasione giusta per provare ad alzare un trofeo e che dovrà continuare a lottare in campionato per il secondo posto a partire da Domenica prossima quando al San Paolo si presenterà un’altra delusa di coppa ovvero la Fiorentina di Vincenzo Montella, eliminata stasera dalla corazzata Juventus.