screenshot_2020-08-23-10-56-42-66La Serie A insegna al Napoli Femminile che si può perdere anche con un solo tiro in porta da parte delle avversarie. Il Bari capitalizza il rigore di Manno con una difesa accorta e strenua che premia gli sforzi dell’esperto squadra locale, le azzurre masticano amaro perché avrebbero meritato di più, specie nella ripresa quando hanno fallito un paio di occasioni importanti nel finale.

Assenti Cameron, Di Marino e Mushtaq, mister Marino ha scelto il 4-3-3 per l’esordio. Dentro dal primo minuto, tra le altre, Di Criscio in difesa ed Errico in mediana. Cinque i volti nuovi in campo dal via. Caldo infernale e emozioni con il contagocce con squadre molto contratte. Al 26’ ingenuità difensiva ospite con Matouskova che si involava alle spalle di Di Criscio: nel contatto l’arbitro ravvisava gli estremi del rigore che Manno trasformava calciando centrale. Reazione del Napoli al 36’ con la solita Deppy Chatzinikolaou che da fuori area sfiorava l’angolo alto. Primo tempo, dunque, equilibrato ma deciso da un episodio.
Dentro Nocchi ad inizio ripresa e 4-4-2 per il Napoli con Beil larga a sinistra, pericolosa in quella posizione proprio come la nuova entrata in posizione di seconda punta. Martinez e Nencioni danno vivacità ma le azzurre faticano a trovare sbocchi nella attenta difesa pugliese. Al 90’ Nocchi, su assist di Hjohlman, calcia debole sul portiere da ottima posizione. Stesso errore da parte di Deppy nel recupero, con una volée da pochi metri che finisce tra le mani del portiere di casa insieme alle speranze delle azzurre.

Il tabellino

Pink Bari (4-4-2) – Millyoia; Marrone, Lea Soro, Capitanelli; Novellino (dal 18’ s.t. Ceci), Ketis, Silvioni (dal 29’ s.t. Puro), Helmvall (dal 45’ s. t. Strisciuglio); Manno (dal 29’ s.t. QCarravetta), Matouskova (Mascia, Di Bari, Larenza, Buonamassa, Di Fronzo). All.: Mitola.
Napoli Femminile (4-3-3) – Mainguy; Oliviero, Groff, Di Criscio, Cafferata; Dalton (dal 29’ s.t. Nencioni), Errico, Beil (dal 18’ s.t. Martinez); Kubassova (dal 1’ s.t. Nocchi), Chatzinikolaou, Hjohlman (Pérez, Capparelli, Jansen, Risina, Huchet, Goldoni). All.: Marino.
Arbitro: Scatena di Avezzano (Monaco-Catani).
Marcatori: Manno (rig.) 26’ p.t.,
Note: partita disputata a Bitetto a porte chiuse. Ammoniti: Groff (N), Soro (B). Rec.: 4’ p.t., 5’ s.t.

Le dichiarazioni di mister Marino

“Questa partita è stata un battesimo del fuoco, anche per via del gran caldo. Le ragazze erano molto contratte, hanno patito l’emozione dell’esordio. Ci siamo sciolti con il passare dei minuti, abbiamo avuto più occasioni di loro ed avremmo meritato almeno il pari vista la mole di gioco prodotta nella ripresa. Guardiamo avanti coscienti del ruolo che vogliamo recitare in questa campionato essendo noi una matricola che deve innanzitutto fare i punti per salvarsi”.