una parte della tribuna del collanaFinisce la serie-record di risultati positivi casalinghi del Napoli Calcio Femminile. La squadra allenata da Corrado Sorrentino, dopo oltre 33 mesi, ha ceduto di misura davanti al proprio pubblico (0-1) contro il Mozzanica, nella gara valida per la quarta giornata della serie A. Un risultato deciso da un episodio, una punizione nei minuti finali, arrivato al termine di una gara molto combattuta, nella quale le partenopee hanno dovuto fare a meno di tre titolari per squalifica, il capitano, Valentina Esposito, Manuela Rapuano e Giusy Moraca. Nonostante l’esordio di un’altra giovanissima, il centrocampista Anna Cafiero, e diverse ragazze schierate fuori ruolo, le napoletane hanno lottato fin dal primo minuto, guadagnandosi gli applausi delle centinaia di appassionati accorsi sugli spalti dello stadio Collana.

Tra le migliori in campo il portiere Sabina Radu, che nel primo tempo ha compiuto due miracoli, al 22’ su Piva e al 29’ su Garavelli, e nella ripresa si è confermata con due interventi (50’ su Schiavi e 72’ su Scarpellini), pur dovendo capitolare sulla punizione dal limite di sinistro di Tonini al 78’. Il Napoli, però, ha provato a ribattere colpo su colpo ed è andata vicina al gol due volte con Valeria Pirone nel primo tempo (24’ e 30’), che ha mancato il bersaglio dall’interno dell’area. Nella ripresa lo stesso centravanti è stato fermato con un fallo da ultimo uomo al limite dell’area, ma l’arbitro ha fischiato erroneamente un fuorigioco a suo sfavore, poiché in posizione irregolare era Di Muro, passiva perché dall’altro lato del campo. In quest’occasione il direttore di gara ha allontanato il tecnico Sorrentino per proteste, anche se in realtà l’allenatore partenopeo aveva solo chiesto spiegazioni all’arbitro sul possibile errore del guardalinee.

“Sapevamo che il Mozzanica era una squadra molto forte – spiega il dg, Italo Palmieri -. La partita è stata equilibrata, nonostante le nostre tante assenze, anche se ci può stare di perdere per un episodio. Ora che non ci sarà più la pressione dell’imbattibilità interna da mantenere, con il rientro delle squalificate, proveremo a rifarci”. Nell’intervallo della partita lo speaker, Dino Piacenti, ha mostrato uno striscione, portato in campo dalle ragazze, per sensibilizzare il pubblico sulla storia dell’attivista napoletano di Greenpeace, Cristian D’Alessandro, prigioniero in Russia dopo aver preso parte a una dimostrazione pacifista dinanzi a una piattaforma petrolifera nel Mar Artico.

Il Napoli Calcio Femminile tornerà in campo sabato 26 ottobre, in trasferta contro il Chiasiellis (ore 14.30), per la quinta giornata del campionato di serie A.

Il Tabellino  

Napoli Calcio Femminile: Radu, Schioppo, Strisciante, Tagliaferri (76’ Basile), Di Marino, Filippozzi, Diodato (54’ Di Muro), Kensbock, Vitale, Cafiero (82’ Cuomo), Pirone. A disp.: Parnoffi, Cuciniello, Arcuro, Greco. All. Sorrentino

Mozzanica: Gritti, Piva, Tonini, Brmabilla, Spinelli, Schiavi, Bianchi (75’ Piccinno), Mauri (90’ Pernigoni), Garavelli, Scarpellini, Riboldi (87’ Brayda). A disp.: Orlando, Locatelli, Cambiaghi. All. Fracassetti
Arbitro: Zuffada (Sulmona)

Marcatori: 78’ Tonini

Ammoniti: Pirone (N)