benitezconferenzaQuesta sera, ore 21.00 , al San Paolo, va di scena Napoli-Genoa, l’ultimo match della 20° giornata di campionato, ovvero la prima di ritorno. Di fronte si ritrovano due tifoserie gemellate ormai in un rapporto che da oltre due decenni va avanti con grande gioia dei tifosi. Ma si ritrovano soprattutto due squadre impegnate entrambe nella lotta al terzo posto. Rafa Benitez ha fatto capire in settimana che l’obiettivo preliminari è solo quello minimo della compagine azzurra, perché tutto è ancora aperto e perché i suoi tutto sommato non stanno facendo male. “Siamo in lotta su tutti i fronti. Io dico che il bilancio è positivo e possiamo fare molto meglio. Nel calcio mai dire mai, un passo alla volta“.

Poi si è soffermato sul calcio mercato. “Ci siamo mossi in anticipo per raggiungere i nostri obiettivi, che erano Strinic e Gabbiadini. Ora staremo a vedere come evolvono le operazioni e le trattative per comprendere se può esserci un’opportunità vantaggiosa per noi. Ma in assoluto stiamo bene così. La rosa è migliorata, stanno giocando tutti, la competitività all’interno cresce e questo è un dato positivo“.

Gasperini ottimista per il suo Genoa

Gasperini ottimista per il suo Genoa

Da un lato il Genoa, a cui manca da un po’ di tempo la vittoria e per tanto i grifoni rossoblu si sono un po’ allontanati da Lazio, Sampdoria e proprio gli azzurri, che sono le tre squadre in prima linea per il posto valido per i preliminari di Champions League. Gasperini nelle ultime ore si è lasciato scappare una dichiarazione di fiducia in vista del match di stasera: “Il Napoli è forte, ma il Genoa è pronto“. Intanto il Gasp oggi compie gli anni ed è stato accolto da un gruppo di ultras partenopei con cori e messaggi di auguri per il suo 51esimo compleanno. Guardando alla formazione, il tecnico ex Inter ritrova sia Perotti che De Maio. Fuori Matri, Tino Costa, Marchese e, nelle ultime ore, anche Antonini, la sceltà dovrebbe ricadere su un tridente leggero con Fetfatzidis al centro e Iago Falque e Perotti ai lati. Lestienne partirà dunque dalla panchina, insieme al nuovo arrivato Niang.

Per Benitez la vittoria all’Olimpico contro la Lazio ha rappresentato lo spartiacque della stagione del Napoli. Dopo un girone d’andata giocato troppo tra alti e bassi, è arrivata l’ora di dare continuità ai risultati per raggiungere l’obiettivo minimo di inizio stagione: il terzo posto. Ma il tecnico spagnolo non si arrende e sa bene che, in caso di vittoria fra poche ora al San Paolo, la Roma sarebbe distante solo 6 lunghezze. Insomma, tutto è aperto anche per qualcosa di più, e infatti Benitez “non firmo per il terzo posto“. Tutti in dubbio come sempre in casa Napoli da quando c’è il tecnico spagnolo, che rivoluziona settimana dopo settimana la formazione titolare. Dovrebbe però trovare spazio dal primo minuto Jorginho, vista l’assenza per squalifica di Gargano. Mentre Higuain torna titolare. Dietro di lui l’unico dubbio sembra essere legato alla scelta tra De Guzman e Mertens, con l’olandese favorito. Ma attento a Gabbiadini, per lui sarà una sorta di derby.

Probabili formazioni:

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Strinic Koulibaly Albiol Maggio; David Lopez Jorginho; De Guzman Hamsik Callejon; Higuain.

Genoa (4-3-3): Perin; Antonelli, De Maio, Burdisso, Roncaglia; Bertolacci, Rincon, Edenilson; Perotti, Fetfatzidis, Iago Falque.