genny a carognaQuanto accaduto prima e durante Fiorentina – Napoli Sabato scorso sta lasciando delle tracce indelebili. Dallo scorso week end infatti sono costantemente sotto i riflettori le condizioni di salute di Ciro Esposito, tifoso napoletano sparato per le strade di Roma a poche ore dall’inizio della finale di Coppa Italia; condizioni che sono leggermente migliorate ma  il ragazzo purtroppo non è ancora fuori pericolo. Non solo, Gennaro De Tommaso, dopo essere stato in queste ore su tutte le prime pagine dei giornali per la presunta trattativa con le forze dell’ordine condito dall’aver scavalcato le recinsioni sugli spalti dello stadio Olimpico e per aver indossato la maglietta con la scritta “Speziale libero”, dopo aver subito il Daspo per 5 anni nella giornata di ieri si ritrova oggi sotto minaccia. Una minaccia che arriva direttamente dalla sede del Mattino dove è pervenuto un proiettile con la seguente lettera allegata:

“Vogliate far pervenire al camorrista che appare in foto, Gennaro De Tommaso, il presente avvertimento, un risposta a quella scritta sul petto che auspica la liberazione del mafioso Speziale, assassino dell’ispettore Raciti. Stai attento, avanzo di galera  hai le ore contate. Penserai che sia una semplice minaccia. Aspetta e vedrai. Morte agli ultras!!! Carogna, attento a te, ai tuoi familiari e a tutti quei coglioni che sono alle tue spalle!!! Anche voi della Società Calcio Napoli non siete esenti da responsabilità, così come i mass media che pubblicano solo ciò che fa loro comodo. Questa farsa è stata organizzata con l’assenso della federazione calcio e con la collaborazione dell’operatore tv della Rai. Vi seguiremo nei vostri spostamenti ed al momento opportuno colpiremo!! Che il tifoso napoletano ferito a Roma muoia a presto!! Non dorma tranquillo nemmeno il cronista Tv. Ogni promessa è un debito».