beneventoSi è conclusa con il posticipo di ieri sera tra Barletta e Savoia la 6a giornata del girone C del campionato di Lega Pro. Con il passare delle giornate questo torneo sta vedendo le formazioni campane affermarsi come assolute protagoniste, tra le nostre spiccano Salernitana e Benevento che si trovano ora appaiate in testa alla classifica, entrambe a 14 punti.
Barletta – Savoia 0-0:
Parità totale nella sfida del “Monday nigth” che ha visto opporsi Barletta e Savoia. Le due squadre, oltre che nel risultato, si sono equvalse anche nel conteggio delle espulsioni(una per parte) e nelle occasioni sprecate, con gli ospiti che hanno fallito un rigore nel primo tempo con Scarpa e i pugliesi che sono andati vicino al gol nella ripresa grazie ad una conclusione di testa da parte di Fall.
Juve Stabia – Reggina 2-1:
Continua l’inarrestabile ascesa verso la zona play-off della formazione di Castellamare, che contro la Reggina conquista in rimonta il terzo successo di fila. Il match è acceso sin dai primi minuti con occasioni da entrambe le parti; il risultato si sblocca però solo nella ripresa con gli ospiti che passano ad inizio ripresa con la rete di Armellino, la reazione dei gialloblu è immediata con Di Carmine che pareggiano con un gol spettacolare. L’1-1 scuote gli uomini di Pancaro che si lanciano alla ricerca dei 3 punti, e il gol partita arriva a 10 minuti dal fischio finale con Romeo che devia in rete un cross partito dalla pnizione di La Camera.
Messina – Casertana 1-5:
La Casertana espugna il campo del Messina con una goleada che certifica il momento di crisi dei siciliani. La cinquina ospite viene servita interamente nei primi 45 minuti. Apre le marcature Antonazzo al 21′, poi è Bianco a mettere a segno la sua personale doppietta in due minuti (al 34mo e al 35mo), a chiudere i conti ci pensano Alessandro e Mancosu prima che l’arbitro mando tutti negli spogliatoi. Il secondo tempo è di ordinaria amministrazione per la Casertana che concede al Messina di segnare il gol della bandiera grazie al rigore trasformato da Stefani; da segnalare anche le espulsioni di Pepe e Bortoli per il Messina.
Aversa Normanna – Ischia 1-2:
Sii è giocato sul campo del Aversa Normanna l’unico derby campano della giornata, che ha visto i padroni di casa sfidare l’Ischia, in un match che ha contapposto due squadre entrambe alla ricerca della prima vittoria in campionato. Il primo tempo e all’insegna della cautela con le due formazioni che evitano di scoprirsi; il corso della gara cambia verso ad inizio ripresa quando l’Aversa resta in 10 uomini a seguito del rosso rimediato da Carbonaro, l’Ischia ne approfitta subito e passa in vantaggio al 63mo con Ingretolli ma i padroni non mollano e pareggiano con De Vena su rigore; sembra fatta per il pareggio ma al 89mo è di nuovo Ingretolli, con una zampata vincente, a regalare agli isolani il primo acuto stagionale.
Salernitana – Melfi 0-0:
Ci si aspettava la vittoria della Salernitana capolista nella sfidas casalinga contro il Melfi, ma alla fine arriva un pareggio a reti bianche che, a conti fatti, penalizza gli ospiti. Ifatti l’eroe di giornata è senza dubbio il portiere granata Gori che esalta le sue doti negando la gioia del gol a Caturano e Tortori nel primo tempo, e a Pinna e nuovamente a Tortori nella seconda frazione di gioco. Unica azione degna di nota per i padroni di casa è un tiro di Giandonato finito di poco a lato.
Benevento – Martina Franca 1-0:
Vittoria e primato in classifica per i sanniti. Il match non è agevole per la squadra di Brini che si trova a fronteggiare un Martina ben messo in campo e che offre pochissimi spazi alla formazione locale; ma il Benevento ha il merito di capitalizzare al massino l’unica occasione che gli viene concessa dagli ospiti, accade al 63mo con Doninnelli che firma il gol partita. Passati in svantaggio i pugliesi non hanno i mezzi per reagire e così i giallorossi ottengono il quarto successo in sei giornate.

Lecce – Paganese 1-0:
La Paganese si conferma, insieme al Aversa Normanna, pecora nera tra le campane di Lega Pro. Al Via del Mare le squadre mettono in scena uno spettacolo noioso e con poche emozioni. Il gol partita arriva dopo un quarto d’ora di gioco, a firmarlo è Fabrizio Miccoli; la Paganese ci prova ma la sua reazione non produce neanche un singolo tiro nella porta avversaria. Per il Lecce arriva così la seconda vittoria in campionato che gli permette di restare agganciato alla zona play-off.