pallone-lega-proLa nona giornata del girone C del campionato di Lega Pro proponeva,come match clou, lo scontro al vertice tra le prime della classe Benevento e Salernitana. Oltre alla sfida del Vigorito, il bilancio di giornata è piuttosto magro per le formazioni campane, l’unica vincente è la Casertana mentre ai due pareggi interni di Paganese e Juve Stabia si sommano le sconfitte in trasferta di Ischia, Savoia e Aversa Normanna.
Catanzaro – Ischia 2-1:

L’Ischia esce sconfitta dal difficile confronto con il Catanzaro, che doveva approfittare dello scontro tra Benevento e Salernitana per portarsi a ridosso della coppia di testa. I ragazi di Moriero chiudono lapratica nei primi 45′ minuti grazie alle reti di Russotto al 16′, e di Kamara al 34′. Il gol di Schetter in apertura di secondo tempo illude gli isolani di poter ribaltare le sorti della gara, ma il Catanzaro non perde la concentrazione per l’Ischia arriva la seconda sconfitta di fila.
Benevento – Salernitana 0-0:

Chi si aspettava grandi emozioni nella fida primato tra Benevento e Saleritana è rimasto deluso. Le due capoclassifica si fanno frenare dalla paura dando vita ad un match noioso e privo di grandi occasioni per entrambe. Le due campane restano così a braccetto in testa alla classifica del girone, ora incalzate dal Catanzaro.
Juve Stabia – Lecce 1-1:

Non riesce ad approfittare della frenata dei battistrada la Juve Stabia, bloccata sul pari nel matcch casalingo contro il Lecce. Ad analizzare la gara alle vespe poteva andare anche peggio se non fosse stato per le prodezze del portiere Pisseri, che a fine gara risulterà il migliore in campo. Primo tempo ad alto tasso di agonismo ma senza palle gol rilevanti; il risultato il sblocca nella ripresa, al minuto 65′, con Moscardelli che infila un bel diagonale, i salentini potrebbero raddoppiare quasi subito ma trovano l’opposizione di Pisseri e al 71′ Romeo regalail pari ai gialloblu. Al 76mo Pisseri nega il gol a Carrozza con una straordinaria prodezza, ma l’ultimo brivido della gara è di marca stabbiese con il palo colpito da Di Carmine all 80mo.
Casertana- Barletta 2-1:

L’unica vittoria campana di giornata è quella della Casertana , che grazie ai 3 punti guadagnati si porta al terzo posto in classifica. La sfida con il Barletta è molto accesa, i casertani partono ubito all’attaco e sprecano due buone palle gol con Biancolino e Cissé, fino al 24mo quando è ancora Cissé ad indovinare il colpo giusto per il vantaggio. Il Barletta non si da per vinto e al 59mo, approfittando di un indecisione della difesa locale, pareggia i conti con Palazzolo, ma i falchetti sanno che l’occasione di avvicinarsi alla vetta è troppo ghiotta per essere sprecata è trovano il gol partita con Idda sugli sviluppi di un calcio da fermo.
Foggia – Savoia 1-0:

Brutta partita al Pino Zaccharia di Foggia, con i padroni di casa che trovano il gol vittoria nel corso della prima frazione di gioco con Iemmello sugli sviluppi di una punizione calciata da Cavallaro. Nel secondo tempo i biancoscudati sfiorano il pari in qualche di occasioni con Di Piazza, Severi e Pompilio e cui risponde il Foggia con le palle gol fallite da Bollino e Cavallaro. Nel finale il Savoia reclama anche per un rigore non conceso dal direttore di gara.
Paganese – Melfi 2-2:

Pareggio ricco di emozioni tra Paganese e Melfi, con gli ospiti a rimpiangere di aver dilapidato il doppio vantaggio. La formazione lucana passa al minuto 41′ con la rete del esordiente Giacomarro. Ad inizio ripresa e ancora Giacomarro a suggellare il suo esordio da sogno mettendo a segno la sua personale doppietta; i tifosi del Matera sentono vicino il primo sucesso in campionato, ma al 66mo la partita si riapre grazie al 2-1 di Caccavallo che lancia i locali all’assalto finale. Sforzi che, dopo alcune occasioni mancate, si concretizzano al 76′ con il 2-2 di De Liguori.
Martina Franca – Aversa Normanna 3-1:

La sida in coda tra Martina e Aversa si conclude con la prima vittoria stagionale dei pugliesi che sorpassano gli avversari in classifica, abbandonando l’ultima posizione. Eroe di giornata è Montalto, autore di una tripletta, che vanifica il momentaneo pareggio di N’daye. Da segnalare a referto, tra le fila del Aversa, anche le due espulsioni di Carbonaro e Papa, entrambe al minuto 50′.