4268673100_6978293f9cNapoli – Finalmente anche per il problema del razzismo nel calcio si è capito che bisogna usare la mano pesante. Durante la finale di Supercoppa Italiana di ieri sera tra Juventus e Lazio, dalla Curva Nord dello stadio Olimpico, settore occupato dai sostenitori dei biancocelesti, erano partiti diversi cori razzisti ai danni di Pogba, Asamoah e Ogbonna. Il Giudice Sportivo ha punito la Lazio, imponendo al club di Lotito di giocare una gara casalinga col settore “Curva Nord” vuoto ovvero senza spettatori al seguito. Ecco il comunicato ufficiale:

“Obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Nord” privo di spettatori : alla  Soc. LAZIO per avere suoi sostenitori, collocati nel settore dello stadio denominato “Curva Nord”, indirizzato, al 16° ed al 28° del primo tempo e continuativamente dal 20° al 43° del  secondo tempo, grida e cori espressivi di discriminazione razziale nei confronti di tre calciatori della squadra avversaria (art. 11 n. 3 CGS, novellato dalle disposizioni federali di cui a ai comunicati n. 189/A del 4 giugno 2013 e n. 45/A del 5 agosto 2013, e art. 18, comma 1 lettere e)  CGS); infrazione rilevata anche dai collaboratori della Procura federale”