mihajlovicIl campionato italiano di Serie A non si ferma più, non c’è nemmeno il tempo di ricapitolare il punto della situazione che inizierà il turno infrasettimanale. Per non farci trovare impreparati però andiamo comunque ad esaminare con una velocissima panoramica ciò che è accaduto nell’ultimo turno, cioè nell’ottava giornata di campionato.

Si è partiti sabato con un insolito orario, alle 15 è andata di scena Empoli-Cagliari, sontuosa prova degli uomini di Zeman che espugnano Empoli con un rotondo 4-0 allontanandosi così dalla zona calda della classifica ed agganciando il Torino a quota 8 punti al 12° posto in classifica. L’Empoli vista sabato è una squadra irriconoscibile che dovrà ripartire da quanto di buono ha espresso nelle prime giornate se vorrà riprendere il lungo cammino della permanenza in Serie A.
Situazione drastica quella che invece si sta vivendo a Parma, gli emiliani escono sconfitti e turbati dall’incontro con il Sassuolo, perso dunque per 3-1 tra le mura amiche del Tardini. La squadra di Di Francesco, nonostante sia orfana del super bomber Zaza riesce a capitalizzare la partita ottenendo tre punti importantissimi in chiave classifica, la quale recita Parma ultimo a tre punti e Sassuolo 15° a quota 7.
L’ultima sfida del sabato è quella che ha visto affrontarsi sul prato del Galileo Ferraris di Genova, Sampdoria e Roma. Partita tirata, equilibrata e terminata a reti bianche. La squadra di Mihajlovic dimostra che i sedici punti ed il quarto posto in classifica non sono frutto della casualità bensì di un lavoro duro e dettagliato messo in atto durante tutta la settimana. La Roma comunque ne esce imbattuta con la vana speranza che la sfida Juventus-Palermo del giorno seguente possa riservare qualche sorpresa, cosa che però non si è avverata.
Infatti nelle sfide di domenica è proprio la Juventus a battere il Palermo per 2-0 con i gol di Vidal e Llorente, che finalmente trova il primo gol in campionato. I bianconeri si riprendono cosi i tre punti di vantaggio maturati nel tanto discusso scontro diretto vinto ai danni della stessa Roma.
In questo campionato “spezzatino” si sono giocate nella giornata di domenica: Udinese-Atalanta, terminata 2-0 con il gol del solito Totò Di Natale che regala ai friulani il terzo posto e l’aggancio alla Samp a quota 16 punti. Sprofondano invece Palermo e Atalanta nelle parti basse della classifica.
Importantissima e sorprendente la vittoria del Genoa sul campo del Chievo Verona, il gol partita arrivato nei minuti finali porta la firma di Pinilla. I grifoni con questi tre punti si insediano nella parte sinistra della classifica agguantando l’Inter a 12 punti. Nerazzurri che vincono di misura grazie ad un rigore siglato da Maurito Icardi sul campo del Cesena. Vittoria importante e sofferta, che permette agli uomini di Mazzarri di non perdere terreno sulle posizioni europee della classifica. In chiave Europa un’altra importante vittoria è quella della Lazio che ha battuto per 2-1 il Torino di Ventura. Di Klose il gol vittoria e biancocelesti che si stabiliscono al 5° posto in classifica in compagnia del Milan con ben 15 punti.
Come la Lazio, più della Lazio, anche il Napoli è chiamata alla vittoria. Un trionfo schiaccia-crisi, che farebbe da pompiere per le delusioni post Europa League. Detto-Fatto. Il Napoli di Rafa Benitez mette in campo una prestazione di altissimo livello, record di possesso palla e reti dal calcio d’angolo della stagione, gli azzurri giocano una quantità industriale di palle gol. Eppure i fantasmi del passato sono per un attimo apparsi sul terreno di gioco del San Paolo quando dopo non appena 20 secondi il destro di Halfredsson porta in vantaggio il Verona. Testa alta e muso duro ed il Napoli ribalta il risultato con la doppietta di Hamsik, che finalmente si sblocca in campionato. Vantaggio gelato da Nico Lopez che entra e segna il gol del pareggio. In una serata come questa si percepisce che non basta una squadra, c’è bisogno dell’affondo dei campioni ed è cosi che sale in cattedra Gonzalo Higuain che trova finalmente il primo gol in campionato, e poi un altro ancora per la doppietta, ed ancora un altro per la tripletta; nel mezzo un gol regolarissimo annullato per fuorigioco ed l’immancabile realizzazione di Josè Callejon. Il Napoli vince 6-2 e si riprende il caloroso applauso dei sostenitori azzurri. Ora i partenopei sono in settima posizione con 14 punti.
L’ultima partita della settima giornata di campionato è Milan-Fiorentina, dove il risultato racconta tutto, a San Siro termina 1-1 e la sensazione è che si tratta di un risultato che accontenta tutti, purché i tifosi rossoneri che avrebbero sperato in una grande vittoria.

La classifica dopo 7 giornate recita:
1. Juventus 22
2. Roma 19
3. Udinese 16
4. Sampdoria 16
5. Lazio 15
6. Milan 15
7. Napoli 14
8. Inter 12
9. Genoa 12
10. Verona 11
11. Fiorentina 10
12. Cagliari 8
13. Torino 8
14. Empoli 7
15. Sassuolo 7
16. Atalanta 7
17. Cesena 6
18. Palermo 6
19. Chievo 4
20. Parma 3

Prossimo turno:
Questa sera(martedi 28)  h20.45: Sassuolo-Empoli
Mercoledi 29 ottobre (h20:45):
Cagliari-Milan, Fiorentina-Udinese, Palermo-Chievo, Atalanta-Napoli, Inter-Sampdoria, Genoa-Juventus, Roma-Cesena, Torino-Parma.
Giovedi 30 ottobre (h20:45):
Verona-Lazio