Novara - BresciaUn caloroso bentornati dalla rubrica talent scout de “Il calcio che conta”; siamo ormai agli sgoccioli di questa stagione calcistica e questa settimana vi facciamo conoscere Jacopo Manconi uno dei prospetti più interessanti che si sono messi in luce durante questo campionato di serie B tra le fila del Novara.
Manconi è un classe 1994, nasce come centravanti puro ma sta ora riuscendo a trovare maggiore spazio come esterno largo sul fianco destro del tridente o come seconda punta nel classico 4-4-2; è un giocatore particolarmente generoso, sempre a servizio dei compagni è particolarmente prezioso nei ripiegamenti e nei movimenti senza palla. Oltre ad essere un implacabile marcatore si fa anche valere come assist man e, in ogni caso, nelle sue giornate migliori risulta un cliente scomodo per qualsiasi difensore.
Dal punto di vista fisico Manconi ha ben pochi difetti: è alto un metro e 80cm e di una prestante fisicità che sa utilizzare molto bene per muoversi in area di rigore e rendersi pericoloso sulle palle alte; dal punto di vista tecnico una delle sue maggiori qualità è la grande velocità palla al piede, che non sembra risentire dell’imponenza fisica del ragazzo, in generale Manconi può essere considerato un calciatore polivalente, capace di usare entrambi i piedi e di giocare su tutte e le fasce .
Sul ragazzo si sono già puntati gli occhi di alcuni club di A, in particolare è trapelata la notizia secondo cui l’Udinese avrebbe già pronta un’ offerta da presentare al Novara per assicurarsi le prestazioni del ragazzo a partire dalla prossima stagione, ma niente è ancora detto dal momento che altre indiscrezioni di mercato ci dicono che anche Sampdoria e Juventus avrebbero chiesto informazioni su Manconi ai vertici del club piemontese.