bortolottotritum

 

Con una prestazione di pure cuore la Tritium strappa una salvezza indimenticabile, che fino a pochi mesi fa sembrava un qualcosa di irrealizzabile. A Portogruaro gli abduani confezionano l’impresa nel primo tempo: dopo undici minuti Arrigoni segna il gol dell’1-0 con una fantastica punizione a giro che si infila nel sette, poi al 35’ Roberto Bortolotto sigla il raddoppio con un potente destro da fuori area. Nel secondo tempo il Portogruaro accorcia le distanze con Orlando e poi si getta in avanti con disperazione, ma gli ospiti reggono alla grande. Al 94’, poi, Nodari salva la Tritium con una parata divina e mette in ghiaccio la salvezza.

 

DALLA SALA STAMPA

 

Al termine di questa grande impresa si presentano davanti ai cronisti il presidente Ercole Ghezzi e mister Romano Cazzaniga. <E’ una grandissima soddisfazione – inizia il tecnico – è stata una gara perfetta, anche in passato ne abbiamo giocate diverse ma gli episodi negativi ci hanno condannati. Contro il Portogruaro abbiamo ottenuto due vittorie e due pareggi, ci sarà un perché, anche all’andata abbiamo disputato una bella partita. Siamo venuti qui convinti di giocarcela, non è vero che non avevamo niente da perdere: tutti i ragazzi hanno fatto una grande gara sotto ogni aspetto, non ci siamo mai rassegnati. Cosa ho detto ai ragazzi nell’intervallo? Peccato che ci sia ancora un tempo. Mi dispiace solo per Armando Madonna, avrei voluto vedere un altro mister sull’altra panchina>.

Anche il numero uno dei biancoazzurri Ghezzi non sta nella pelle. <Con le nostre modeste possibilità salvarci così è bellissimo: qui non c’è un patron alle spalle, per cui il merito è di tutti i componenti di questa famiglia. I ragazzi hanno mostrato grande attaccamento alla maglia: questa salvezza è senza dubbio più bella rispetto alle vittorie dei campionati di qualche anno fa, anche perché a Natale qualcuno aveva perso la fiducia, in pochi ci credevano. La conferma dei mister Cazzaniga e Romualdi? Ora festeggiamo, anche se se la sono meritata. Io sono contento anche perché questo stadio mi porta bene: nel 1976, ai tempi del militare, vinsi qui un tornei e segnai un gol proprio nella stessa porta di oggi. Mi sono arrivati i complimenti del presidente Macalli. Il futuro della Tritium? Ora prenderemo le calcolatrici e faremo dei conti: per ora abbiamo sotto contratto quattro giocatori, ovvero i fratelli Bortolotto, Teso e Casiraghi, mentre lo stadio è il solito problema per cui vedremo, non esiste solo il <Brianteo>. Incontreremo anche l’amministrazione comunale di Trezzo. Ci tengo infine a ringraziare i tifosi che sono venuti qui, anche se mi spiace che la comunità trezzese non sia riuscita ad organizzare un pullman: è vero però che oggi in città c’era un evento importante come l’inaugurazione della Torre Viscontea>.

Dopo il presidente è la volta di Matteo Nodari. <Non so come ho fatto a parare quel tiro alla fine: ci ho messo il cuore, cosi come tutta la squadra. Salvarsi dopo una stagione cosi mi lascia senza parole: è stata la partita dell’anno, l’abbiamo interpretata con la giusta fame. Il futuro? Ora pensiamo a festeggiare: ad oggi sono in scadenza, si vedrà>.

Ultima battuta per Roberto Bortolotto: <Pensavamo di farcela fin dal primo minuto: il Portogruaro è una buonissima squadra, ma come gioco noi ci siamo dimostrati superiori anche all’andata. Il modulo? Abbiamo iniziato a usare il 3-5-2 con Cazzaniga e Romualdi, poi quando il mister ci ha chiesto di passare al 3-4-3 in molti, me compreso, abbiamo storto il naso ma alla fine ha avuto ragione lui. Il prossimo sarebbe per me il settimo anno alla Tritium: penso di aver dimostrato sempre il mio attaccamento a questa maglia>.

 

PORTOGRUARO: Tozzo, Pisani, Pondaco, Herzan, Moracci, Blondett, Pignat (dal 46’ Coppola), Salzano (dal 59’ De Sena), Altinier, Cunico, Orlando (dal 69’ Corazza). In panchina Festa, Chesi, Sampietro, Rolandone. All. Madonna.

 

TRITIUM: Nodari, Martinelli, Teoldi (dal 77’ Riva), Calvi, Teso, Cusaro, E.Bortolotto (dal 73’ Spampatti), Arrigoni, Chinellato (dal 66’ Casiraghi), R.Bortolotto, Corti. In panchina Paleari, Monacizzo, Cremaschi, Brandi. All. Cazzaniga.

 

Arbitro: Maresca di Napoli (Pignone di Empoli – Cecconi di Empoli).

 

Reti: Arrigoni (T) all’11’, R.Bortolotto (T) al 35’, Orlando (P) al 64’.

 

Note: espulso Altinier (P) al 95’ per gioco scorretto. Ammoniti Pondaco, Pignat, Festa, De Sena (P). Angoli 9-7 per il Portoguaro. Recuperi 4’+5’. Spettatori 800 circa.