L'Inter di Mancini nond emerita al San Paolo

Il punto dopo sedici giornate di Serie A

Con il posticipo di ieri tra Lazio e Sampdoria, conclusosi in pareggio con reti di Matri e Zukanovic, è andata in archivio la 16ma giornata di serie A. Turno che ha visto l’allungo in classifica dell’Inter capolista a +4 sulle inseguitrici grazie al perentorio 4 a 0 inflitto all’Udinese, allo stadio Friuli, con la doppietta di un ritrovato Icardi e le reti di Jovetic e Brozovic. Napoli e Roma non si fanno male nel big match delle 18 di domenica che termina 0 a 0 non senza però, tante emozioni ed un predominio marcato degli azzurri. Nell’altro match di cartello la Juventus manda al tappeto la Fiorentina e si lancia all’inseguimento del primo posto in classifica, ora a 6 punti di distanza. Al vantaggio iniziale di Ilicic su rigore, risponde l’ex viola Cuadrado; della Coppia Mandzukic-Dybala le altre due reti. Gli anticipi di sabato hanno visto un Bologna lanciatissimo con Donadoni che batte a domicilio un Genoa Sempre più in crisi grazie alla rete sul finale di Luca Rossettini; il Palermo invece salva la panchina di Ballardini battendo il Frosinone per 4 a 1 al “Barbera”, con reti di Goldaniga, Vazquez, Trajkovski e Gilardino; per i ciociari a segno Sammarco. Rinviato per nebbia l’altro match in programma tra Sassuolo e Torino. Gli incontri domenicali delle 15 hanno evidenziato un Milan in palese difficoltà che non riesce ad andare oltre l’1 a 1 a San Siro contro il Verona fanalino di coda; reti di Bacca e di un ritrovato Luca Toni su penalty. La sorpresa Empoli di Marco Giampaolo schianta il Carpi di Castori 3 a 0 con la doppietta di Maccarone e la rete di Saponara, mentre il Chievo batte in extremis l’Atalanta grazie alla rete di Valter Birsa.