puteolanaDopo essere stata a secco per ben 3 partite tra campionato e coppa, arriva finalmente il primo punto in casa granata; mister Ambrosino aveva chiesto una risposta dopo le sconfitte, ed i suoi anche se non hanno consegnato la vittoria al loro coach, conquistano comunque il primo punto in campionato. A Grottaglie finisce a reti bianche una partita tutt’altro che noiosa; la Puteolana scende in campo con un coperto 4-4-1-1: Despucches tra i pali, il neo-acquisto Carezza, subito gettato nella mischia con un’ottima prestazione, D´Ascia, Visciano, Imbriaco, Salvati, Napolitano, Scognamiglio, Siciliano, Cimmino e l’unico terminale offensivo, De Lucia. I padroni di casa rispondono con Maraglino, Pisano, Quaranta, D´Arcante, , Danese, Anglani ,Russo, Formuso L., Gnoni e Faccini.
Non passano neanche 10 minuti e la Puteolana si fa subito pericolosa in ben due occasioni: la prima vede il bomber De Lucia che con una bella girata sfiora la rete, subito dopo il solito Napolitano lascia partire un siluro dal limite deviato dall’estremo difensore con uno scatto felino. I granata comandano il match e poco prima del 20’ è Scognamiglio che supera di poco la traversa con un bel tiro; nel giro di 5 minuti arriva finalmente la reazione avversaria con la punta Formuso che impegna il portiere granata che si fa trovare pronto sulla conclusione. Le due squadre sono però ben messe in campo e allora prima Napolitano e poi Gnoni provano a sbloccare il match su calcio piazzato senza però sbloccare il risultato.
La ripresa parte a ritmi nettamente inferiori rispetto alla prima frazione; è comuqne il Grottaglie a guadagnare terreno minuto dopo minuto e al 53’Despucches viene nuovamente chiamato in causa per respingere una velenosa conclusione di Russo. Al 65’ i granata restano in 10: Napolitano entra in maniera scomposta sull’avversario, complice l’ammonizione per proteste rimediata 2 minuti prima, si fa sventolare in faccia il cartellino rosso dal direttore di gara, il signor Miele. Ambrosino corre ai ripari ed inserisce subito Fioretti al posto di Cimmino, conscio che, arrivati a poco più di venti minuti al fischio finale, il pareggio sarebbe un ottimo risultato. Non passa neanche un minuto e De Lucia ha sui piedi la palla del vantaggio, il suo diagonale viene però ribattuto prontamente dalla difesa pugliese. I ritmi si infiammano ed al 75’ è nuovamente Despucches il migliore dei suoi, a salire in cattedra: azione ben orchestrata dal Grottaglie che arriva al cross dalla destra per l’incornata di Formuso che si vede negare la gioia del gol dal prodigioso intervento del giovane portiere. Ultime fasi della gara ricche di emozioni, prima è il granata Salvati ad impegnare un attento Maraglino e poi, superato il 90’ attimi di terrore nella retroguardia puteolana con una conclusione di Faccini che, a portiere battuto va a stamparsi sulla traversa. Triplice fischio e prima vittoria stagionale ancora rimandata.
Al termine del match Ambrosino non nasconde comunque la delusione per il magro bottino: “-. E´ stata una buona partita e abbiamo avuto un ottimo approccio. Creare sei nitide palle goal fuori casa contro una diretta concorrente per la salvezza e non sfruttarle è un vero peccato. Stiamo lavorando nella direzione giusta e questo punto è importante per il morale della squadra e per acquistare autostima in noi stessi”.
Sabato a Pozzuoli arriva una delle rivali di sempre: il Gladiator di mister Di Somma, anche i casertani sono a caccia della prima vittoria stagionale, quindi tra meno di 6 giorni c’è la ghiotta occasione di cancellare quel “meno” in classifica, e farlo proprio davanti al pubblico amico potrebbe essere il trampolino di lancio per una sterzata positiva dei puteolani.