cuadradoDopo il riscatto da parte di Della Valle, Cuadrado potrebbe essere ora rapito dal Barcellona. Ieri la Fiorentina ha concluso l’operazione per l’acquisto della seconda metà del cartellino. Quando nella sede del club sono atterrati Andrea Della Valle, patron, e Mario Cognigni, presidente operativo, si è capito che era il giorno giusto per liberarsi della presenza dell’Udinese. In Friuli andranno 15 milioni di euro cash (balla ancora Babacar, che potrebbe essere infilato in extremis nel pacchetto, che già ì comprende pure Leo Steve Beleck, punta del ’93 che arriverà in viola). Qui inizia la fase due, quella che porterà Cuadrado a restare a Firenze, oppure, più probabilmente, a trasferirsi altrove (con indirizzo spagnolo). Secondo le voci trapelate nella notte, Kakà avrebbe firmato un accordo con gli Orlando City Soccer, franchigia americana che sbarcherà il Major League Soccer a partire da marzo. Ma fino a quel momento, Kakà cosa dovrebbe fare? L’ipotesi più accreditata, anche dalle parole del presidente del San Paolo, è quella di un prestito di sei mesi proprio alla sua ex squadra dove giocherà la prima parte della stagione per poi sbarcare in Florida. Un addio, quello di Kakà al Milan, che sembra essere sempre più vicino ma del quale quasi nessuno, a Casa Milan, farà un dramma. Secondo colpo in casa Inter che preleva dal Rubin Kazan il francese classe ‘90 M’vila. Dopo Nemanja Vidic ecco un altro gigante, che proprio davanti a Vidic starà. Per l’ufficialità manca solo firma post visite. Sembra sbloccarsi invece la situazione Pereyra sull’asse Juventus-Udinese. Il club friulano avrebbe infatti rimosso il «paletto» Zaza, giocatore che i Pozzo avevano a lungo vanamente indicato come priorità per dare il via libero al 23enne argentino, tuttofare del centrocampo. Per l’a.d. Marotta, Zaza vale Pereyra, dunque l’operazione sarebbe stata possibile solo attraverso uno scambio alla pari. Risolta infine dopo una serie di rinvii la situazione di Paloschi, ora un giocatore del Chievo. I veneti ieri mattina hanno raggiunto l’accordo col Milan riscattando l’altra metà del cartellino. L’accordo è sulla base di 3 milioni di euro con pagamento triennale, che sommati ai 3,5 incassati per l’altra metà portano il valore del giocatore a 6,5 milioni.