Logo Europa League

Logo Europa League

Stasera saranno di scena le semifinali di ritorno di Europa League. La Fiorentina in casa ospiterà i detentori del trofeo: gli spagnoli del Siviglia. All’andata un secco 3 a 0 a favore della squadra di Emery lascia poche speranze ai viola. Nell’altra semifinale, il Napoli volerà in ucraina per affrontare il Dnipro. All’andata pari per 1 a 1 e tantissime polemiche per l’arbitraggio assolutamente non altezza.

A Firenze serviranno almeno tre goal, senza subirne, per i ragazzi di Montella per cercare di riequilibrare le sorti di questa semifinale. Momento di forma non esaltante per la Fiorentina, che nelle ultime 5 gare ha collezionato 3 sconfitte e 2 vittorie. In classifica sono attualmente quinti, a 5 punti dal Napoli e con un solo punto di vantaggio sulla Sampdoria, a 3 giornate al termine. Anche l’infermeria non sorride al tecnico di Pomigliano d’Arco, con Babacar, Vargas e Richards (oltre a Giuseppe Rossi) che sono out per la partita di stasera. Dunque, scelte quasi obbligate con la difesa a 4, Basanta e Gonzalo Rodriguez al centro, sulla mediana Pizarro, che fungerà da regista, supportato da Borja Valero e Mati Fernandez. In attacco, a sorpresa, fuori Mario Gomez e spazio a Ilicic. Ė un Montella carico quello che si è presentato nella conferenza stampa pre-gara: “Sono fiducioso e convinto che i miei ragazzi faranno una grande partita sotto tutti i punti di vista. Chiaramente il risultato dell’andata ci penalizza pesantemente e dispiace anche per il modo con cui abbiamo subito le 3 reti. Ma a Firenze sarà diverso e avremo bisogno del supporto di tutto il pubblico viola, dovranno essere loro il dodicesimo uomo in campo”. Sul fronte spagnolo, anche il Siviglia nella Liga non sta vivendo un buon momento. Infatti, nelle ultime 5 gare, 2 vittorie, 2 pareggi ed una sconfitta. Quinti in campionato a meno 3 dal Valencia, che in questo momento è qualificato ai premilitari di Champions. A differenza dei viola, però, il Siviglia è in un buono stato di forma ed Emery può contare sulla rosa a completo (eccezion fatta di Pareja). Difesa a 4, con Kolo e Carrico centrali, a centrocampo due “dighe” davanti alla difesa, Mbia e Krychowiak, davanti il solito Bacca supportato dal trio Vidal, Banega e Vitolo. Così Emery nel pre-gara: “I tre goal di vantaggio ci fanno vivere questo ritorno di semifinale in maniera serena ed ottimista, ma ancora non siamo qualificati. Per andare in finale dovremo giocare una grande partita, dovremo essere concentrati per tutti i 90 minuti e non dovremo concedere alla Fiorentina assolutamente nulla”.

Benitez, il re di coppe, cerca la finale di Varsavia

Benitez, il re di coppe, cerca la finale di Varsavia

Nell’altra semifinale, il Dnipro ospiterà il Napoli per una gara che profuma di grande sfida. I partenopei all’andata hanno dimostrato di essere superiore agli ucraini e per tutti i 90 minuti hanno avuto il pallino del gioco. Ma in Ucraina sarà diverso, per questo Rafa Benitez predica calma: “Il Dnipro è una squadra difficile da affrontare. Sono compatti, si chiudono bene e le loro ripartenze sono pericolose. A noi ci basta un goal per andare in finale e sono sicuro che la mia squadra almeno un goal lo segnerà. Ma non dovremo avere fretta di fare goal, dovremo essere concentrati e rimanere tranquilli”. Napoli che in campionato è reduce dal pareggio interno contro il Parma ed è a 3 punti dalla Lazio, che è terza. I viola invece inseguono a 5 lunghezze. Il tecnico spagnolo molto probabilmente si affiderà agli stessi undici della gara di una settimana fa: difesa a 4, con Albiol e Britos centrali, a centrocampo Jorginho e David Lopez a recuperare palloni ed in attacco Higuain, supportato da Hamsik, Insigne e Callejon. Per gli ucraini questa sarà la partita più importante della stagione. Tutti a disposizione, solo Shakhov non sarà della sfida. In campionato il Dnipro è terzo a 50 punti, a meno 2 dallo Shakhtar e a meno 9 dalla Dinamo capolista. Markevich dovrebbe schierare gli stessi 11 dell’andata. Difesa a 4, due centrocampisti d’interdizione e davanti tre trequartisti, Luchkevych, Rotan e Konoplyanka, a sostegno dell’unica punta Kalinic. Così il tecnico del Dnipro analizza la sfida: “Sappiamo che il Napoli è una grandissima squadra ed ha tanta qualità. Io però sono fiducioso perché in casa abbiamo sempre fatto bene e sono convinto che anche noi abbiamo le nostre chance di approdare in finale”.

Vedremo come andrà a finire. Fischio d’inizio di entrambe le partite stasera, ore 21.05, per due sfide che valgono una stagione.

PROBABILI FORMAZIONI FIORENTINA – SIVIGLIA:
FIORENTINA (4-3-3): Neto; Savic, Gonzalo Rodriguez, Basanta, Alonso; Mati Fernandez, Pizarro, Borja Valero; Joaquin, Ilicic, Salah. All. Montella
SIVIGLIA (4-2-3-1): Rico; Coke, Carrico, Kolo, Tremoulinas; Mbia, Krychowiak; Vidal, Banega, Vitolo; Bacca. All. Emery

PROBABILI FORMAZIONI DNIPRO – NAPOLI
DNIPRO (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy, Douglas, Cheberyachko, Matos; Kankava, Fedorchuk; Luchkevych, Rotan, Konoplyanka; Kalinic. All. Markevich
NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; Jorginho, David Lopez; Callejon, Hamsik, Insigne; Higuain All. Benitez