Logo Europa League

Logo Europa League

Questa sera si giocheranno gli ottavi di finale di Europa League. Molte le partite interessanti, ma soprattutto c’è grande attesa e curiosità per le italiane. Se in Champions League non facciamo bella figura, con una sola squadra all’attivo, in Europa League siamo la Nazione con più squadre agli ottavi. Ben 5 le rappresentanti dei nostri colori: Inter, Roma, Fiorentina, Napoli e Torino. Purtroppo, ma anche inevitabilmente, il sorteggio ha voluto che Roma e Fiorentina si incontrassero e dunque ai quarti proveremo a calare il poker.
Non solo le italiane però saranno protagoniste stasera. In programma, infatti, spunta l’interessante “derby” spagnolo tra Villareal e Siviglia, detentore del trofeo, il sorprendente Dnipro che ospiterà i lancieri di Amsterdam dell’Ajax, l’Everton che in casa giocherà contro la capolista del campionato ucraino, la Dynamo Kiev, ed il club Brugge che sfiderà i turchi del Besiktas, in una gara che si prospetta avvincente ed equilibrata.

Ma torniamo a parlare delle nostre squadre. I partenopei dovranno affrontare la Dinamo Mosca. Partita difficile per gli uomini di Rafa Benitez. Attualmente i russi sono terzi nel loro campionato, ma in Europa League si stanno comportando benissimo. Nei sedicesimi hanno facilmente liquidato l’Anderlecht, pareggiando 0 a 0 in trasferta e vincendo per 3 a 1 in casa. Da non sottovalutare anche la condizione fisica. Infatti, contro l’Inter gli azzurri non sono sembrati al top e nel finale sono visibilmente calati, mentre i russi vengono dalla lunga pausa invernale, in cui hanno avuto l’occasione di allenarsi senza alcuna preoccupazione. Fare risultato al San Paolo, per il Napoli, sarebbe fondamentale per poi affrontare l’antipatica e difficile trasferta in Russia fra 7 giorni, con gli stimoli giusti. Il tecnico spagnolo si affiderà a Jorginho a centrocampo e Gabbiadini, Hamsik e Zapata in attacco. I russi dal canto loro saranno al completo, ad eccezion fatta di Yusupov squalificato.

Altra gara particolarmente difficile sarà quella del Torino. Gli uomini di Giampiero Ventura dovranno, infatti, affrontare lo Zenit. In Russia, i piemontesi si affideranno all’esperienza di Quagliarella con Martinez a supporto. I granata in queste ultime settimane sono apparsi in una buona condizione fisica, ma battere lo Zenit e accedere ai quarti è comunque un’impresa “off-limits”. Dei russi, occhio soprattutto alla potenza Hulk ed alla fantasia Danny. Molto probabile l’impiego dell’italiano Criscito dal primo minuto. Il tecnico dello Zenit, Villas Boas ha parlato di gara difficile ma alla stesso tempo si è detto fiducioso sul passaggio del turno.

Altra gara quasi proibitiva è quella dell’Inter. Infatti, il Wolfsburg quest’anno sta disputando una stagione incredibile. Seconda in Bundesliga, dietro soltanto al Bayern, i verdi di Hecking giocano un calcio propositivo , votato all’attacco, efficace e spettacolare. Roberto Mancini, in Germania, punterà sul trio d’attacco formato da Palacio, Shaqiri e Icardi, a centrocampo Guarin ed Hernanes proveranno a dare qualità e tecnica alla squadra. Santon, dopo l’ottima prestazione contro il Napoli, confermato a destra. Dall’altra parte, i tedeschi, schiereranno la squadra titolare, con il gioiellino Vierinha sulla fascia destra, Luiz Gustavo al centro di centrocampo e Schürle, Caligiuri e De Bruyne a sostegno dell’unica punta Bas Dost.

Infine, una scontro tutto italiano, vede i viola di Vincenzo Montella affrontare i giallorossi di Rudi Garcia. La Fiorentina viene dalla brutta sconfitta rimediata dalla Lazio all’Olimpico. 4 reti che hanno fatto infuriare il tecnico di Pomigliano d’Arco. Prima però di questa battuta d’arresto, c’è da dire che la Fiorentina ha battuto in Coppa Italia la Juventus a Torino ed eliminato il Tottenham in Europa. Montella si affiderà all’esperienza di Pizarro a centrocampo ed alla velocità e qualità di Salah in attacco. Rudi Garcia, invece, dovrà fare a meno del suo capitano. Francesco Totti, infatti, non sarà a disposizione. Per il resto, squadra praticamente al completo (esclusi Maicon, Castan, Strootman e Balzaretti, infortunati da tempo). Possibile il cambio di modulo, con il 4-2-3-1 con cui Totti e compagni hanno ben figurato contro il Feyenoord.
Il Torino giocherà alle ore 18.00 (ora italiana), mentre l’Inter alle 19.00. Il Napoli e Fiorentina – Roma si giocheranno la sera, fischio d’inizio ore 21.05.