I biancorossi tornano alla vittoria dopo quasi tre mesi grazie a due reti dei fratelli Costagliola

Il portiere del Procida Bardet

Il portiere del Procida Bardet

Il Procida ritrova contro il Portici una vittoria che mancava dal lontano 13 Dicembre e risorge scrollandosi da dosso un lungo periodo di crisi. A decidere l’anticipo dello “Spinetti” sono due procidani, i fratelli Costagliola, che per la seconda volta in questo campionato segnano nella stessa partita (era già successo nello 0-3 di Quarto). Il Procida è in partita già dai primi minuti e al 21’ costruisce la prima, clamorosa, palla gol: Marigliano crossa dalla destra su punizione, Vallefuoco svetta più in alto di tutti ma colpisce l’incrocio dei pali. Al 27’ bellissima combinazione tra D’Auria e Botta, quest’ultimo si presenta da solo davanti al portiere ma sceglie la soluzione di potenza alzando troppo la traiettoria della palla. Nel finale di tempo calano i biancorossi e al 38’ Scielzo, dopo una dirompente azione personale, si presenta a tu per tu con Bardet che è straordinario nell’intervento in uscita a bassa a respingere la conclusione dell’attaccante napoletano.

Si va quindi al riposo sullo 0-0 e nella ripresa il Procida non si ripresenta con la stessa verve della prima frazione. Ma i biancorossi riescono comunque a sbloccare il punteggio al 15’: altro cross su punizione di Marigliano, Aprile colpisce da solo in piena area di rigore ma si vede respingere la conclusione da Celli, fulminato poi dal tap in vincente di Tony Costagliola. Settima rete stagionale per il fantasista biancorosso, capocannoniere della formazione isolana. La gara si accende con il Procida che ha tanti spazi in contropiede, mister Cibelli alterna quindi i fratelli Costagliola per sfruttare le caratteristiche di Lorenzo. E la mossa paga perché al 29’ arriva il raddoppio: D’Auria ruba palla a centrocampo e si invola verso la porta in solitaria, l’attaccante ex Quarto è altruista nel rinunciare al gol servendo Lorenzo Costagliola che a porta vuota non può far altro che insaccare. E’ la mazzata definitiva per il Portici che prova una reazione soltanto al 48’ quando Olivieri, su punizione, impegna un grande Bardet. Il Procida può finalmente festeggiare rivedendo la luce in fondo ad un tunnel che sembrava non finire più. I biancorossi hanno vinto e convinto ed ora hanno l’obbligo di proseguire questo trend positivo iniziato nelle ultime due gare.

ISOLA DI PROCIDA 2 – 0 PORTICI 1906
ISOLA DI PROCIDA: Bardet 6,5, Esposito 6, Spadera 6, Aprile 6,5, Vallefuoco 6,5, Fiorillo 6,5, Marigliano 6 (35’ st Autiero sv), Minauda 6, D’Auria 6,5, Costagliola A. 6,5 (23’ st Costagliola L. 6,5), Botta 6,5 (31’ st De Gregorio sv). A disp. Scotto di Marrazzo, Lubrano, Malgieri, Barone. All. Cibelli Francesco 7
PORTICI 1906: Celli 6, Porcaro 5,5, Marigliano 5,5, Severino 6 (35’ st Ragosta sv), Alterio 5,5, Vitiello 6, Picardi 5,5, Olivieri 6, Murolo 6 (14’ st Foggia 5,5), Scielzo 6, Aveta 5,5. A disp. Borriello, Donniacono, Avilia. All. Tarantino Achille 5,5
ARBITRO: Panariello Antonio di Torre del Greco 6 (ass. Cesarano Giuseppe e Apicella Dario Di Castellammare di Stabia)
RETI: 15’ st Costagliola A., 29’ st Costagliola L.
NOTE: calci d’angolo 3-3. Ammoniti Minauda, Aprile (Pr), Scielzo (Po). Durata pt 45’, durata st 49’. Spettatori 200 circa.