Toni show e Napoli annichilito a Verona

Toni show e Napoli annichilito a Verona

Uno dei peggior Napoli della stagione. A Verona, l’Hellas gioisce grazie ad una doppietta del solito, strepitoso, Luca Toni, che annienta così i partenopei e vendica gli ultimi precedenti tra le due squadre, finiti sempre a favore del Napoli e con goleade. Ma ieri sera, al Bentegodi, il Napoli non è praticamente sceso in campo e soprattutto nella prima mezzora un super Verona ha rischiato di dilagare, e non avrebbe rubato niente se così fosse stato. D’altronde le motivazioni degli scaligeri guidati da Mandorlini erano alte perché, dopo il pareggio del Cagliari con l’Empoli, un successo avrebbe significato quasi certa salvezza. E ora, a +11 dalla terzultima, finalmente il Verona può guardare con maggior fiducia alla classifica. Stessa cosa non possono fare gli azzurri, che restano a pari punti con la Lazio, che però ha dalla sua l’entusiasmo del momento e la partita di oggi col Torino per staccare la concorrenza, senza dimenticare che il terzo posto è insidiato anche da Fiorentina e Sampdoria, che al momento sembrano comunque più in forma del Napoli.

Tornando al match di ieri sera, comunque, pronti via e gialloblu subito minacciosi con i vari Gomez e Jankovic, prima che Toni si inventi al 7′ un numero in area di rigore e sfrutti lo scontro tra Mesto e Andujar per siglare la rete dell’1-0. A quel punto ti aspetti la reazione dell’11 di Benitez (come fu all’andata, dopo il gol a freddo di Halfredsson, e la remuntada partenope poi con il risultato finale di 6-2), ma così non è e il Verona anzi continua a spingere rischiando più volte il gol del due a zero. Solo Zapata procura grattacapi alla pur non irresistibile difesa dei padroni di casa (a cui mancava anche Marquez), ma Rodriguez in scivolata salva sulla botta a colpo sicuro del colombiano a pochi passi dalla porta.

Nella ripresa pronti via e Halfredsson (51′), con una sgroppata micidiale, si procura spazio sulla sinistra e mette al centro il più comodo degli assist, sul quale ancora una volta si fionda come un rapace Luca Toni, che fa doppietta. Benitez prova solo allora a cambiare qualcosa, con l’ingresso di Callejon, Gabbiadini e Higuain, ma ormai è troppo tardi e solo Inler con una conclusione dai venti metri e l’ex Samp impensieriscono Benussi, il secondo con un tiro dalla distanza che si stampa sul palo. Poi niente più. Notte fonda sul Napoli (un solo punto nelle ultime tre partite e terza sconfitta consecutiva in trasferta dopo Palermo e Torino) e grande gioia per il Verona.

Tabellino:

VERONA (4-3-3): Benussi; Pisano, Rodriguez, Moras, Sala; Obbadi (25′ st Lazaros), Tachtsidis, Hallfredsson; J. Gomez (21′ st Greco), Toni, Jankovic (40′ st Martic). A disp: Gollini, Rafael, Brivio, Sorensen, Marques, Agostini, Campanharo, Fernandinho, Saviola, Nico Lopez. All.: Mandorlini

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto (22′ st Higuain), Albiol, Britos, Ghoulam; Lopez, Inler; De Guzman (16′ st Callejon), Hamsik (36′ st Gabbiadini), Mertens; Zapata. A disp.: Rafael, Colombo, Maggio, Luperto, Zuniga, Jorginho, Insigne. All. Benitez

Arbitro: Banti

Ammoniti: Ghoulam, Sala, Juanito Gomez, Mesto, Albiol, Obbadi, Tachtsidis, Lazaros, Gabbiadini, Britos, Toni

Espulso: Sala per somma di gialli.

Reti: 7′ pt e 6′ st Toni