dinnataleLa quinta giornata del campionato italiano di Serie A ha un eroe, il suo nome è l’intramontabile Totò Di Natale. L’attaccante napoletano trascina l’Udinese al terzo posto grazie alla strepitosa doppietta rifilata al Parma. I friulani vincono per  un totale di 4-2 e condannano gli emiliani al fondo della classifica, mettendo in grande risalto i gravi problemi difensivi della squadra allenata da Donadoni.

Partiamo però con ordine, iniziando dalle gare del sabato che vedono come protagoniste le squadre impegnate in Champions League. Viaggiano a braccetto, l’una al fianco dell’altra, senza sbagliare un colpo. Sono Roma e Juventus: cinque vittorie su cinque ed il punto di forza che risiede nelle retroguardie; Buffon ancora imbattuto e super protagonista grazie al rigore neutralizzato a German Denis, e Morgan De Sanctis una sola rete subita e la certezza che aver perso Benatia non è stato proprio un dramma. Gli uomini di Allegri ancora trascinati da un super Tevez ed autore di una doppietta. La Roma risponde ancora con la “camera 18″, cioè Destro-Florenzi per il definitivo 2-0 all’Hellas Verona.

La domenica calcistica si apre invece nel segno del Napoli, finalmente positivo, perchè se una grande, in un momento di difficoltà e forma precaria, riesce a vincere su un campo non semplice come quello del Sassuolo, allora, non può che ritenersi un risultato positivo. Manca il gioco, manca lo champagne? Contano i tre punti, l’obiettivo era vincere quindi il Napoli c’è! L’asse Higuain-Callejon si rivela ancora determinante, il pipita crea e lo spagnolo finalizza con quella letalità che lo contraddistingue. Il lunch match termina, col brivido, 0-1. Il Sassuolo torna negli spogliatoi con la consapevolezza che l’ultimo posto gli sta stretto, il Napoli parte per la trasferta di Europa League con un sospiro di sollievo, sette punti ed una posizione in classifica più consona al proprio blasone.

Alle 15:00 è di scena la debacle milanese. L’Inter parte malissimo e finisce peggio, in svantaggio con il Cagliari subisce anche un’ingenua espulsione. Il risultato è prevedibile, Zeman attacca, mette Mazzarri all’angolo e continua ad affondare colpi. La partita finisce per KO con un risultato inverosimile, 1-4 con tripletta di Ekdal, che difficilmente avrà dormito domenica sera.
I cugini rossoneri non vanno oltre il risultato di 1-1 in casa del Cesena, il solito Abbiati regala emozioni ed occasioni da rete. Al 10′ ne approfitta Succi che sigla il vantaggio. Torres impalpabile, De Sciglio peggio. Al 19′ ci pensa Rami a riportare il match in equilibrio e ad illudere tutti quelli che avevano scommesso sull’over 2.5. La partita termina così 1-1, tra gli applausi dei tifosi di casa ed i fischi di quelli ospiti.
Nelle altre gare, uno scialbo 1-1 anche tra Empoli e Chievo Verona, ed ancora tra Torino e Fiorentina. I toscani, orfani degli attaccanti Gomez e Rossi si affidano a Babacar che sigla al 77esimo l’importantissimo gol che evita la sconfitta. Per il Torino appena dieci minuti prima aveva trovato il gol Fabio Quagliarella, troppo bello per essere vero.

Il posticipo serale è proiettato tutto sullo Stadio Marassi per il derby della lanterna tra Genoa e Sampdoria. Partita maschia e con pochissime occasioni da gol. Quando il pari sembra ormai il risultato più scontato ci pensa ancora Gabbiadini, con la complicità di De Maio e Perin, insacca al 75′ un cross destinato sul secondo palo. Lo show più divertente lo offre il presidente doriano Ferrero che al triplice fischio, esulta e corre per tutto il campo.

La quinta giornata termina lunedì con gli incontri Udinese-Parma 4-2 e Palermo-Lazio 0-4. In virtù di questi risultati ecco la classifica aggiornata:

1. Juventus 15
2. Roma 15
3. Udinese 12
4. Sampdoria 11
5. Inter 8
6. Milan 8
7. Verona 8
8. Napoli 7
9. Lazio 6
10. Fiorentina 6
11. Genoa 5
12. Torino 5
13. Cesena 5
14. Cagliari 4
15. Chievo 4
16. Atalanta 4
17. Empoli 3
18. Parma 3
19. Palermo 3
20. Sassuolo 3

Ecco invece il prossimo turno:
sabato
h18 Verona-Cagliari,
h20.45 Milan-Chievo
domenica
h12.30 Empoli-Palermo,
h15.00 Udinese-Cesena, Lazio-Sassuolo, Sampdoria-Atalanta, Parma-Genoa,
h18.00 Juventus-Roma,
h20.45 Fiorentina-Inter, Napoli-Torino