selkeBentornati sulla rubrica del Talent scout de “Il calcio che conta”. Il nostro osservatore è ritornato da oltre confine per farci conoscere i talenti calcistici più promettenti del vecchio continente. Come già avvenuto in passato, a seguito di atre trasferte europee, la scuola calcistica che appare meglio attrezzata a sfornare futuri campioni è, in questo momento, quella dei tedeschi campioni del mondo, le cui formazioni giovanili fanno pensare ad un dominio di lungo periodo dei club e della nazionale teutonica.
La giovane promessa germanica che vi presentiamo oggi si chiama Davie Selke, centravanti del Werder Brema classe 95′. Per gli addetti ai lavori quello di Selke è un nome che non suonerà nuovo, dal momento che il ragazzo è stato assoluto protagonista con la maglia della nazionale tedesca under 19 agli ultimi europei di categoria.
La caratteristica di Selke che salta per prima agli occhi degli osservatori è la sua impressionante forza fisica, unita ad un altrettanto efficacie abilità nei movimenti. Questo doti danno al ragazzo il profilo classico del “panzer” tedesco, egli infatti se pur non dotato di grande velocità è particolarmente abile acreare spazi per i compagni grazie ai suoi movimenti in grado di portare a spasso le difese avversarie. Dal punto di vista tattico Selke si adatta perfettamente in tutti i moduli di gioco che prevedono la presenza di un terminale fisso al centro dell’attacco, in grado di sfruttare i pallono provenienti dalle corsie laterali, avendo già ampiamente dimostrato di saper andare a rete in qualsiasi modalità.
Alla sua giovane età Selke può gia essre considerato uno zingaro del pallone, avendo già cambiato squadra per ben nove volte, con un contunuo crescendo nelle prestazioni. In questo momento il Weder pare essere la giusta collocazione per portarlo ad una maturazione definitiva, ma c’è da scommettere che, con queste premesse, il futuro di Selke sarà destinato ai palscoscenici più prestigiosi del calcio europeo.