cinagliaQuesta settimana il talent scout de “Il calcio che conta” vi porta alla scoperta di Davide Cinaglia, prodotto delle giovanili del Torino classe 1994; il ragazzo milita attualmente nella prima divisione Lega Pro tra le file del FeralpiSalò, che la scorsa estate lo ha rilevato in prestito dai granata. Cinaglia è un difensore centrale,  considerato tra i migliori prospetti della sua generazione in un ruolo che per decenni ha regalato alla nazionale italiana campioni di livello mondiale ma che in questo momento, terminata l’epoca di Cannavaro e Nesta, fatica ad effettuare un ricambio generazionale all’altezza dei predecessori. Il ragazzo ha iniziato a dare sfoggio delle sue doti nella primavera del Toro guidata da Moreno Longo durante il campionato 2012\2013, guadagnandosi la possibilità di confrontarsi con i professionisti già in questa stagione. Cinaglia possiede un’imponente struttura fisica che lo rende un ostacolo difficile da superare per gli attaccanti avversari, a questo unisce  un’ottima propensione a dettare i ritmi di gioco adattandosi perfettamente ai dettami di Giampiero Ventura, allenatore del Torino, nella cui idea di gioco i difensori devono partecipare attivamente alla costruzione del gioco fungendo da registi difensivi. Nella sua prima stagione da professionista Cinaglia sta ben figurando nelle non tantissime occasioni che gli sono state concesse, ed è dunque prematuro fare previsioni sul suo futuro, è certo però che al giovane non mancano talento e voglia di affermarsi  e anche che il Torino, che ne possiede il cartellino, nutre nei suoi confronti la massima stima. Non resta che aspettare qualche anno per capire se sarà Davide Cinaglia colui che raccoglierà la pesante eredità della tradizione dei difensori made in Italy.