Ieri si è conclusa la 38° giornata del campionato di Serie B. L’Avellino di mister Rastelli ha fatto visita al Crotone per un match importante in chiave play-off. I bianco verdi sono tornati al marchio di fabbrica, ovvero il 3-5-2 con Frattali in porta, il trio Pisacane-Ely-Chiosa in difesa, sulle fasce Bittante e Visconti, quest’ultimo al rientro dopo circa tre mesi, in mediana D’Angelo e Schiavon sugli interni ai lati del perno centrale Arini; attacco affidato al duo inedito Trotta-Comi. Il Crotone è quello annunciato, con l’unica variazione rappresentata dall’innesto di Padovan al centro dell’attacco in sostituzione di Torregrossa. A supporto del giovane attaccante gli spauracchi Ciano e Stojan. In difesa Ferrari rimpiazza lo squalificato Cremonesi, mentre Balasa riprende posto sulla fascia destra. Centrocampo inalterato rispetto al k.O. di Modena con Matute, Maiello e Suciu.

camillocianoNel primo tempo gli ospiti vanno vicino alla rete del vantaggio con Schiavon, ma il portiere di casa Cordaz, di puro istinto, nega il goal con una grande parata. I campani si rendono pericolosi soprattutto sui calci piazzati, ma la difesa calabrese resiste. Al 37° minuto i padroni di casa si portano in vantaggio con un rigore siglato da Ciano per una trattenuta di Rodrigo Ely su Ferrari, chiudendo sull’1 a 0 i primi 45 minuti. A inizio ripresa, al 10° minuto di gioco, il Crotone trova il raddoppio ancora con il trequartista scuola Napoli, che su azione personale di Martella, riceve la sfera e si coordina perfettamente battendo Frattali da distanza ravvicinata, per il suo 16 sigillo personale. L’Avellino prova a riversarsi in avanti, ma lo fa in maniera confusa e poco produttiva. Il Crotone si chiude bene e riesce a portare a casa i 3 punti raggiungendo quota 44. Continua la caduta degli irpini, alla sesta sconfitta in undici partite. I lupi tuttavia restano nella griglia play-off con 54 punti e domenica  al “Partenio” sfideranno il Pescara per il dentro o fuori.