cristianolombardiSiamo giunti ormai agli sgoccioli della stagione calcistica italiana 2013\2014, e questa settimana il talent scout de “Il calcio che conta” è andato a visionare Cristiano Lombardi della primavera della Lazio, un giovane che secondo la nostra opinione ha buone possibilità di mettersi in luce tra i professionisti già dal prossimo campionato.
Lombardi è un viterbese classe 95’, cresciuto nelle giovanili biancocelesti, e dal 2012 è passato nelle fila della primavera di cui, durante questa stagione, ne è diventato il vero e proprio trascinatore mettendo a segno 11 reti nelle 21 partite disputate.
Dal punto di vista tattico Lombardi occupa la posizione di attaccante esterno, è dotato di grande velocità e di una buona tecnica, doti che lo rendono micidiale nel uno contro uno; un’altra caratteristica che spicca immediatamente agli occhi di un buon osservatore è la sua grande generosità e predisposizione al sacrificio, lombardo infatti quando è in campo non si ferma neanche per un secondo andando spesso ad aiutare i compagni in fase di ripiegamento quando la palla è in mano agli avversari. Questa è senza dubbio una qualità notevole in un giocatore, ma al momento rappresenta anche il maggior limite del ragazzo poiché, proprio a causa del suo impeto, spesso non riesce ad arrivare a completare tutta la partita, dovendo spesso essere sostituito intorno al 70’ per esaurimento forze.
Ma al di là dei limiti fisici, che la giovane età gli permetterà senza dubbio di superare, Lombardi dispone sicuramente di doti tecnico\tattiche degne di un campione; tra queste segnaliamo la capacità di non dare mai punti di riferimento alla difesa avversaria, il fiuto del gol, l’abilità nei tagli con e senza la palla e il saper sfruttare al meglio le azioni di contropiede.
La Lazio, che già quest’anno è riuscita a lanciare un giovane talento come Keita, pare intenzionata ad aggregare Lombardi alla prima squadra nel prossimo ritiro estivo, per cercare di capire se il ragazzo è già pronto a calcare i campi di serie A. Una possibilità incredibile per Lombardi che, da laziale doc, coltiva sin da bambino il sogno di esordire con la maglia della sua squadra del cuore.