Juventus v VfL Borussia Monchengladbach - UEFA Champions LeagueTorna la Champions e per le italiane si prospetta un turno particolarmente insidioso. Infatti, la Juventus è ancora alla ricerca di se stessa e di un gioco meno confusionario e più cinico, mentre la Roma, dopo la sconfitta di misura rimediata a San Siro contro l’Inter, vuole i 3 punti sia per togliersi da quella scomoda posizione di ultima del girone, sia per riprendersi quell’autostima messa in discussione nelle ultime uscite.

La Juventus appunto, chiamata a vincere per tenere ancora intatto il primato nel girone, con il City che nell’ultimo turno si è avvicinato. Infatti, in virtù del pareggio dei bianconeri contro il Mönchengladbach e la vittoria dei Citizens contro il Siviglia, il distacco si è ridotto ad un solo punto. In campionato, i bianconeri sono reduci dalla vittoria nel derby con un goal di Cuadrado al 93esimo e soffrendo non poco. Insomma, è arrivata la vittoria, ma non la bella prestazione. A 9 punti dalla Fiorentina capolista, per gli uomini di Allegri la corsa verso lo scudetto sembra finita ancor prima di essere iniziata. Dall’altra parte, per il Mönchengladbach la cura Schubert ha funzionato ed ora la squadra è molto più organizzata, convinta dei propri mezzi e cinica davanti. In Bundes, dopo un inizio a dir poco catastrofico, i bianco-verdi nelle ultime cinque gare hanno ottenuto altrettante vittorie, balzando così ad un impensabile quinto posto, ad un solo punto dalla “zona” Champions.  Umori diversi durante le rispettive conferenze stampa pre-gara, con Schubert particolarmente allegro e spensierato e dall’altra parte un Massimiliano Allegri di tutt’altro stato. Cosi il tedesco si è detto ottimista per la gara di stasera:”Siamo in un ottimo momento ed in casa possiamo giocarcela con chiunque. La Juventus è una grande squadra e per noi non sarà facile, ma non per questo partiamo già sconfitti. Il passato non conta, è il presente a cui dobbiamo pensare, ed in questo periodo siamo in gran forma. Ripeto sarà difficile, ma ho studiato molto i bianconeri e so come poter batterli. Non dobbiamo guardare alla classifica, ma dobbiamo solo pensare a far bene e non sbagliare nulla.” Meno tranquillo e un po’ più polemico Allegri, che cosi si è presentato davanti ai microfoni:”La partita di stasera è fondamentale per il passaggio del turno, non dobbiamo sbagliare. Il Borussia è un’ottima squadra, reduce da 6 vittorie, 5 in campionato, una in coppa e dal pareggio fuori casa contro di noi.” Sulla domanda del motivo dei tanti cambi di modulo, il tecnico livornese cerca di “dribblare” l’argomento:”Voi dite che cambio modulo di continuo, ma in realtà non è così e non è certo il cambio di schemi o giocatori che non ci permette di vincere. La verità è che per vincere bisogna iniziare le gare con il giusto approccio, sbagliare poco, giocare facile e da squadra, poi i moduli e gli schemi vengono dopo.” Infine, sulla possibilità di disputare un’altra finale di Champions, Allegri risponde:”Ovviamente noi giochiamo per quello e per vincere la competizione. Non sarà affatto facile e ci sono sicuramente squadre più attrezzate di noi. Quello che è successo l’anno scorso ormai fa parte del passato, noi dobbiamo pensare al presente ed a battere il  Mönchengladbach”. Tra i convocati rientra Lichtsteiner, mentre out Kedhira.

Nella sfida di mercoledì, i giallorossi si troveranno di fronte il Bayer Leverkusen. Due settimane fa, in Germania, la Roma ha giocato la sua gara più pazza. Sotto di due goal, è riuscita a ribaltare il risultato fino ad arrivare ad un 4 a 2 che sembrava rassicurante. Ma negli ultimi minuti prima Kampl e poi Mehmedi hanno agguantato un pareggio insperato. Tanta delusione per Garcia, che ora con la sua Roma si ritrova all’ultimo posto del girone. Vincere sarebbe fondamentale, un’eventuale sconfitta complicherebbe  dannatamente il passaggio del turno. Come detto, in campionato De Rossi e compagni hanno subito una sconfitta immeritata, che però non influenza più di tanto il cammino verso lo scudetto. Periodo comunque positivo  ed esclusa l’ultima partita, nelle precedenti quattro gare sono arrivate altrettante vittorie. L’avversario “europeo” della Roma, invece non è in grandissima forma ed in campionato stenta a decollare. Infatti, in Bundes con 17 punti è settima a ben 14 lunghezze dal Monaco capolista. Negli ultimi 5 match, gli uomini di Schmidt hanno collezionato due vittorie, due pareggi ed una sconfitta. Garcia in difesa dovrebbe confermare Rudiger, con Castan che parte dalla panchina, Pjanic, De Rossi e Nainggolan sulla mediana, davanti spazio a Dzeko che contro l’inter però non è apparso al cento per cento. Cosi Garcia ha presentato la sfida di mercoledì:”Non possiamo commettere altri errori. Dobbiamo assolutamente vincere, per prenderci i tre punti e per scalare posizioni. All’andata abbiamo gettato al vento due punti certi, domani sera non dovrà succedere. Loro sono una buona formazione, con delle individualità molto interessanti, dovremo essere concentrati fino al 90’, perché il Bayer è una squadra che non molla mai.”  Dall’altra parte, il tecnico tedesco sa bene che la Roma è una squadra tosta e difficile da affrontare:”A Roma, troveremo una formazione  forte che ha assolutamente voglia di vincere. All’andata dopo un nostro avvio positivo, loro sono stati in grado di ribaltare il risultato. Sicuramente non sarà facile per noi, ma abbiamo l’obbligo di vincere. Qualora ci riuscissimo avremo fatto un passo importantissimo per il passaggio del turno.” Per i tedeschi, confermato Chicharito davanti, supportato dal gioiellino Bellarabi, Mehmedi e dal talentuoso Calhanoglu.

PROBABILI FORMAZIONI:

BORUSSIA MONCHENGLADBACH – JUVENTUS ( Martedì 3 Novembre, inizio ore 20.45)

BORUSSIA MOENCHENGLADBACH (4-4-2): Sommer; Nordtveit, Christensen, Dominguez, Wendt; Traoré, Dahoud, Xhaka, Johnson; Stindl, Raffael All. Schubert

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Chiellini, Bonucci, Barzagli; Evra, Pogba, Marchisio, Sturaro, Cuadrado; Morata, Dybala All. Allegri

ROMA – BAYER LEVERKUSEN (Mercoledì  4 Novembre, inizio ore 20.45)

ROMA (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rudiger, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Gervinho, Dzeko, Salah. All. Garcia

LEVERKUSEN (4-2-3-1): Leno; Donati, Toprak, Papadopoulos, Wendell; Kramer, Kamp; Bellarabi, Calhanoglu, Mehmedi; Hernandez. All. Schmidt.