screenshot_20190623-125706

Successo in rosa: Le Sirene di Ulisse per un mare senza barriere

screenshot_20190623-125706La forza delle donne non può finire mai”. Così come l’impegno costante nel testimoniare, in modo convinto, che il tumore al seno non solo può essere sconfitto ma che da questo evento si può ripartire di slancio e rinascere insieme ad una nuova vita, condividendo il dolore passato ma soprattutto preparando le tante gioie future. A colpi di pagaia con il dragon boat. Un vero successo la prima edizione della manifestazione “Le Sirene di Ulisse”, ideato dai Reali Canottieri Reggia di Caserta, associazione presieduta da Roberta Reisino, e sostenuta dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale con il suo Presidente Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele. Riuscitissimo davvero il primo festival in dragon boat e regate di canottaggio tra Formia e Gaeta, che ha unito sociale, salute, sport, divertito e aggregato ben 300 donne in rappresentanza di 20 società provenienti da tutta Italia, da Gorizia a Bari.

 

Scritta una pagina storica, che sancisce l’avvio di un lungo percorso. Numerose e agguerrite le speciali atlete in rosa, che hanno solcato il suggestivo campo di gara, allestito nella splendida cornice di Papardò, gestita dall’ingegner Osvaldo Ciufo, domando le singolari imbarcazioni con la caratteristica testa di drago posta a prua. A fare incetta di coppe e ad aggiudicarsi il Trofeo Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale 2019 le Dragonette di Torino – Avigliana, capitanate da Marina Caldaro e organizzate da Claudia Gombi Claudia Gombi. “Una vera festa dello sport. Abbiamo iniziato per gioco ma siamo determinate ad andare avanti. Nel 2020 festeggeremo il decennale della nostra associazione e ringraziamo per l’incoraggiamento e il supporto il professore Emmanuele Emanuele, un grande persona di cuore, e il deus ex machina Davide Tizzano. La nostra una vittoria dal significato particolare: continuiamo a gioire, per essere tornate a vivere anche meglio di prima”. È il pensiero comune che rispecchia il senso della adesione e della nutrita partecipazione delle pink ladies ad un evento che diventerà certamente appuntamento fisso nel tempo.

 

Positivo e originale il messaggio lanciato dalle donne in rosa con il flash mob a Formia, alla presenza del sindaco Paola Villa, omaggiata di un foulard (facile intuirne il colore), prima di presenziare al taglio del nastro e all’inaugurazione, presso Torre di Mola, di “Nautilus – scuola di mare”, affiliata alla FIC e alla FIDB, diretta dal bicampione olimpico di canottaggio Davide Tizzano, per promuovere tra i giovani, normodotati e diversamente abili, la cultura remiera e le attività marinaresche, supportata dal concreto impegno della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale in questo progetto formativo. “Al via una nuova esperienza. Previste borse di studio e attività gratuite per i ragazzi, nel rispetto del mare e delle regole, insieme agli “angeli custodi” della Guardia Costiera di Formia e della Capitaneria di Porto di Gaeta. Finalmente colmata una profonda mancanza con l’istituzione di una scuola di canottaggio, per promuovere la cultura del mare, unica nel suo genere da Sabaudia a Napoli, in una location storica, rafforzando, inoltre, il connubio sicurezza e salvaguardia dell’ambiente”. Nobile tentativo, quindi, di diffondere mentalità e modello di comportamento tipico del canottaggio (team building, lavoro di squadra, amicizia, unione).

 

Consegnate targhe al dirigente scolastico Amato Polidoro del liceo scientifico Leon Battista Alberti (Minturno), all’istituto comprensivo Alighieri (Formia-Ventotene), alle altre scuole e all’asd Basket 4ever. Da Formia, dunque, parte l’”Onda rosa” (dal nome dell’imbarcazione che verrà impiegata), per implementare il turismo sportivo, legato indissolubilmente alle politiche giovanili e sociali. Iniziativa fortemente apprezzata dal presidente FIC Lazio, Giuseppe Antonucci (“Davide Tizzano è una macchina propositiva di valide idee”), dall’assessore allo sport del Comune di Formia, Alessandra Lardo, e dall’assessore al turismo e allo sviluppo economico, Kristian Franzini.

 

Appassionante anche la sfida in mare a Gaeta tra Reale Società Canottieri Cerea (Torino 1863) e Società Canottieri Limite sull’Arno (Firenze 1861), i più antichi club remieri italiani, che si contendono la primogenitura del canottaggio nostrano, dopo lo storico gemellaggio siglato al Centro di Preparazione Olimpica “Bruno Zauli”: una firma autorevole e conseguente scambio di doni, sotto la supervisione di Tizzano. Ad aggiudicarsi la Centennials Cup la società piemontese.

 

“Formia e Gaeta unite nel nome dello sport”, ha concluso il consigliere comunale Raffaele Matarrazzo. “Lo sport unisce, entusiasma ed emoziona. Davide Tizzano amico dello sport, esempio che trascina, quello che sogna, poi realizza”, le considerazioni di Claudio Schermi, presidente della Federazione Europea Dragon Boat.

 

La manifestazione “Le Sirene di Ulisse”, è stata patrocinata dal Coni, Comune di Formia, Comune di Gaeta, FIC, FIDB, CIP, sostenuta dal main partner Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, con l’apporto di diversi partners: Articolo 1 Il Principio del Lavoro, Nastro Azzurro, Filippi, Villa Matilde, BrokerCast, Kinder + Sport, MSC Crociere, Gran Caffè Gambrinus, Premium Forte, Papardò, IdeaLavoro Formazione, Regal Sport, Alvin Consultig.

 

Il messaggio di fondo non era vincere o perdere ma destinare un pensiero di affettuosa vicinanza alle tante donne che stanno combattendo e vincendo la loro personale battaglia, una navigazione impegnativa tra i flutti della vita e ritrovare fiducia in se stesse. Colorato un tratto di mare, emozione contagiosa. “Il drago non si combatte ma si cavalca”.

locandina

TROFEO FONDAZIONE TERZO PILASTRO – INTERNAZIONALE: “LE SIRENE di ULISSE

locandinaSociale, salute, sport. Per un mare senza barriere: “Le Sirene di Ulisse”, il Trofeo Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale 2019, da venerdì 14 a domenica 16 giugno. Da un’idea nata dai Reali Canottieri Reggia di Caserta, associazione presieduta da Roberta Reisino, il primo festival in dragon boat e regate di canottaggio tra Formia e Gaeta. Estate all’insegna del benessere con finalità nobili: si rema contro il tumore al seno, una lotta preventiva propiziata dalle “Donne in rosa”, che hanno saputo, con coraggio e determinazione, trasformare la loro malattia in un elemento di crescita personale e collettiva, con l’obiettivo manifesto di rompere l’isolamento e guardare con ottimismo al futuro.

Studi scientifici hanno dimostrato che il movimento ritmico e ciclico della pagaiata costituisce una sorta di linfodrenaggio naturale, favorendo, di fatto, la prevenzione del linfedema, male che non può impedire di continuare a sorridere. E allora si sceglie di dare massima visibilità ad una battaglia di civiltà, indossando il nastro rosa, un foulard o una maglietta pink, per diffondere ad ampio raggio un messaggio di prevenzione, riabilitazione e incoraggiamento. Esperienza inedita quanto pionieristica, che avrà luogo a Papardò, un suggestivo campo di regata, nel parco balneare dove è possibile vivere una giornata di mare, immersi nel verde della vegetazione mediterranea e degli antichi ulivi di Gaeta, situata all’interno della spiaggia dell’Arenauta e premiata come spiaggia più bella del Lazio.

La Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, con il suo Presidente Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, da sempre sensibile alle tematiche che coniugano lo sport con progetti di alto valore sociale e medico-scientifico, ha deciso da subito di sostenere con forza tale lodevole iniziativa.

Un fine settimana intenso, contraddistinto anche dal binomio sport e cultura, canottaggio e scuole: un percorso vincente, per lo sviluppo armonico dei ragazzi.  Verrà inaugurata, inoltre, la sede del Nautilus (il nome richiama l’immaginario sottomarino comandato dal Capitano Nemo nei romanzi di Jules Verne, Ventimila leghe sotto i mari e L’isola misteriosa, riprendendo anche il motto “Mobilis in mobili”), associazione presieduta dal bicampione olimpico di canottaggio Davide Tizzano, per promuovere tra giovani la cultura remiera e le attività marinaresche. Un progetto sinergico con le scuole di Formia, che hanno risposto in modo convinto all’ingegnosità di Tizzano, manager sportivo di comprovata esperienza, supportato dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale anche in questa importante attività formativa.

Dichiara il Prof. Emanuele, Presidente della Fondazione: “Sono felice di contribuire a realizzare questo bellissimo progetto, che ai valori dello sport – ed il canottaggio è una disciplina che particolarmente amo, avendola praticata con ragguardevoli risultati – unisce l’impegno per la prevenzione di una patologia grave e sempre più diffusa e per la riabilitazione dei pazienti che mirano a ritrovare un normale stile di vita dopo la terapia. Non ho potuto che sposare l’idea di Davide Tizzano – campione che stimo non soltanto per le sue vittorie, ma soprattutto per la sua visione, che va nella mia stessa direzione – il quale mi ha proposto il percorso formativo dedicato ai giovani dal titolo “Mare senza barriere”, che consente agli studenti delle scuole di Formia di avvicinarsi a questo meraviglioso sport, assorbendone i valori, tra cui spicca la forza del lavoro di squadra e la cultura, che implica, in primo luogo, il rispetto e l’amore verso il mare”.

La base operativa del progetto si trova presso la Torre di Mola, fortilizio esagonale, alto 27 metri e con un diametro di 15 metri, costruito per volere di Carlo II D’Angiò, che oggi ospita una sede museale e, al primo piano, l’Archivio Storico Comunale “Franco Miele”. Ad animare il weekend, infine, l’appassionante sfida in mare a Gaeta tra Reale Società Canottieri Cerea (Torino 1863) e Società Canottieri Limite sull’Arno (Firenze 1861), i più antichi club remieri italiani. E il Centro di Preparazione Olimpica “Bruno Zauli” di Formia aprirà le sue porte al Villaggio Kinder + Sport, consentendo a centinaia di ragazzini di praticare le più svariate discipline sportive. La manifestazione “Le Sirene di Ulisse”, patrocinata dal Coni, Comune di Formia, Comune di Gaeta, FIC, FIDB, CIP, oltreché del contributo della Fondazione Terzo Pilastro, beneficerà dell’apporto di diversi partners: Articolo 1 Il Principio del Lavoro, Nastro Azzurro, Filippi, Villa Matilde, BrokerCast, Kinder + Sport, MSC Crociere, Gran Caffè Gambrinus, Premium Forte, Papardò, IdeaLavoro Formazione, Regal Sport, Alvin Consultig. In palio la Kinder + Sport Cup e la Centennials Cup. In pratica canottaggio da (a)mare.

screenshot_20190605-125000

2° Trofeo De Crescenzo: vince il Posillipo per il secondo anno consecutivo

screenshot_20190605-125000E’ il Posillipo di Italo Postiglione e compagni ad alzare al cielo di Brusciano il Trofeo Paolo De Crescenzo 2019. Bissano il successo i rossoverdi allenati da Elios Marsili e Davide Truppa, che hanno la meglio in finale contro il Villani (10-7) . “Siamo onorati di quest’evento. Emozione fortissima rivivere momenti speciali. Ringrazio quanti si sono impegnati, affinchè il ricordo di mio padre venisse portato avanti», dichiara Francesco, il figlio del compianto allenatore, interpretando i sentimenti della sorella Brunella e di Cinzia. Fabio Bencivenga e Fabio Violetti, allievi di De Crescenzo, consegnano una targa alla famiglia del loro indimenticato maestro. Spettacolo in acqua e sugli spalti: le 12 squadre under 11 movimentano in una due giorni intensa il centro Aqavion, i genitori partecipano attivamente alla manifestazione patrocinata dalla Fin. “Registro un ulteriore passo in avanti sia in ambito organizzativo che in termini di richieste aggiuntive di partecipazione: altre quattro squadre desiderose di prendere parte all’evento. Fanno bene i due Fabio, Bencivenga e Violetti, a ragionare d’intesa per le prossime edizioni. Paolo De Crescenzo merita una vetrina internazionale”, dichiara Francesco Postiglione, vicepresidente della Federazione Italiana Nuoto. “Emerge chiaramente la volontà di arricchire il torneo già dal prossimo anno. Complimenti ai promotori, che hanno colto lo spirito lasciato da De Crescenzo. Tutto è andato per il meglio nel segno e nel ricordo di Paolo”. “Stiamo pianificando l’edizione del 2020. Ricorderemo questa esperienza del 2019: un momento formativo piacevole per i bambini, che si sono divertiti. Abbiamo posizionato un mattoncino in più per la pallanuoto, che necessita di tali appuntamenti”, spiega soddisfatto Bencivenga. “E’ nostra intenzione migliorare ancora e internazionalizzare il Trofeo Paolo De Crescenzo”, avverte Violetti (nella foto di Gianni Longo). Chiude al terzo posto la Carpisa Yamamay Acquachiara, guidata da Manuel Occhiello, che ha superato l’Aqavion, padrona di casa, con Giuseppe Testa e Marco Maione in panchina. Sono intervenuti l’arbitro internazionale Filippo Massimo Gomez e Bruno Cufino, competition manager per la pallanuoto alle Universiadi di Napoli 2019. La pallanuoto italiana cresce, si diffonde e si ramifica sul territorio italiano, partendo proprio dai piccoli pallanuotisti, sempre più legati allo sport della palla gialla nel nome di Paolo De Crescenzo.

screenshot_20190505-230306

NAPOLI FEMMINILE CARPISA YAMAMAY PROMOSSO IN SERIE B

Un gol di De Paula al 70’ regala la promozione alla squadra partenopea

 
screenshot_20190505-230306Torna in serie B il Napoli Femminile Carpisa Yamamay. Dopo aver dominato il girone D della serie C, la squadra allenata da Peppe Marino ha ottenuto il passaggio nella serie superiore battendo, nello spareggio disputato oggi a Grosseto, la Novese, squadra che aveva stravinto il girone A. Una partita combattuta fin dall’inizio, che però ha visto la squadra partenopea prendere in mano il pallino del gioco dopo pochi minuti riuscendo a limitare le piemontesi. Dopo un primo tempo giocato senza troppi sussulti, la svolta è arrivata al 70’ con un diagonale di De Paula che si è insaccato nell’angolino alla sinistra del portiere della Novese sullo sviluppo di un calcio d’angolo. L’unico rischio vero il Napoli l’ha corso all’81’, quando Zella in mischia ha deviato in porta colpendo il palo. Un brivido che non ha impedito alla formazione napoletana dei presidenti Carlino e Guarino di portare a casa il meritato successo.
“Siamo contentissimi per questo risultato – ha spiegato a fine gara Marino -. È stata una splendida vittoria che arriva a coronamento di una stagione giocata sempre al massimo e ci ripaga di tutti gli sforzi compiuti nel corso dell’anno. Adesso festeggiamo e ci  godiamo questo successo che abbiamo cercato fin dal ritiro della scorsa estate. Da domani puntiamo a prepararci con la massima concentrazione alla finale di Coppa Italia perché vogliamo regalare ai nostri tifosi, che anche oggi sono accorsi fino a Grosseto per sostenerci, un altro trofeo”.
Il Napoli Femminile Carpisa Yamamay tornerà in campo sabato 11 maggio (ore 16) contro la Riozzese a Firenze per la finale di Coppa Italia nel tentativo di conquistare il terzo trofeo stagionale dopo la vittoria del Torneo Arco di Trento e la promozione in serie b.

screenshot_20190219-221615

Show Match rugby&calcio femminile insieme

screenshot_20190219-221615Mercoledì 20 febbraio speciale show match. Ad impreziosire infatti il Five Nations nell’ex area Nato di Bagnoli, la sfida originale tra le “Scugnizze” dell’Amatori Napoli e le giocatrici del Napoli Femminile Carpisa Yamamay. Incontro di mondi diversi, che sul rettangolo verde sposano gli stessi valori: quelli dell’amicizia, del fair play, del rispetto delle regole e delle avversarie. Rugbiste e calciatrici insieme, per andare in meta e in gol, contro indifferenza e discriminazione di genere. Molto più di un’esibizione. Uno spettacolo all’insegna della bellezza e della simpatia, che attrarrà non soltanto l’attenzione delle Nazionali che interverranno nella tre giorni all’ombra del Vesuvio: Inghilterra, vicecampione del mondo, Irlanda, Francia, Germania e Italia. Start alle ore 19.30 nella suggestiva cornice ubicata in viale della Liberazione. Dopo gli ultimi incontri di giornata (Italia vs Inghilterra alle 17 e Francia vs Irlanda alle 17.25), saranno pronte a scendere in campo le ragazze delle due formazioni napoletane. Il capitano Cristina Morra guiderà Maria Angela Bernardo, Maria Grazia Francillo, Rosanna Tizzano, Francesca Nicoletti, Annamaria Cinque, Serena Tizzano, Ylenia Crocetto, Liliana Riccardi, Francesca Carbone, Marta Cantarelli, Leda Mazio, Nicoletta Panella, Vittoria Tizzano, Floriana Bernardi e Giulia Petrucci alla vittoria. Le azzurre risponderanno con Zoubida El Bastali, Angela Fummo, le sorelle Daria e Claudia Marotta, Flavia Catalano, Angela Rolfini e Martina Moccia. Poi gran finale con il Seven Disco Party. Per un terzo tempo all’insegna della napoletanità e della internazionalità. Napoli già veste la divisa della capitale dello sport ancor prima delle Universiadi di luglio.

screenshot_20190106-213927

Promozione Campania: Procida, esonerato Iovine. Squadra affidata al Signor Pasquale Ferraro

screenshot_20190106-213927L’Isola di Procida Calcia comunica l’esonero del Signor Giovanni Iovine dall’incarico di allenatore della Prima Squadra. Al Mister Iovine vanno i più sentiti ringraziamenti per l’attività fin qui svolta per l’impegno, la serietà, la correttezza professionale. La conduzione tecnica della Squadra è affidata al Signor Pasquale Ferraro, ex allenatore dell’ Audax Cervinar.

delaurentis2

Napoli, Aurelio De Laurentiis spiega i mancati arrivi di Verdi e Politano

Verdi il mancato acquisto prospettico, Politano quello psicologico

delaurentis2Il presidente Aurelio De Laurentiis ha fatto chiarezza su quanto avvenuto durante la sessione di calciomercato del mese di Gennaio appena trascorso. Il patron del calcio Napoli ha spiegato che la rosa è ritenuta già abbondante così com’è allo stato attuale e con gli acquisti che arriveranno a Giugno, nonostante ciò si voleva portare a casa un acquisto che fosse prospettico. Tutto era stato definito per portare a casa Verdi, sia con il Bologna che col calciatore ma l’affare è saltato all’ultimo momento per un ripensamento del giocatore. A quel punto si è pensato a Politano che non era ritenuto un calciatore prospettico ma comunque si pensava potesse dare  un aiuto psicologico ai calciatori che attualmente lottano per il tricolore. Nonostante le cifre spropositate richieste dal  Sassuolo, la dirigenza azzurra ha insistito per prenderlo; alle ore 22 del 31 gennaio 2018 il club emiliano ha dato l’ok per la cessione, il presidente De Laurentiis ha subito timbrato e firmato tutta la documentazione e ha spedito il tutto al Sassuolo, ma i documenti controfirmati non sono mai pervenuti al Napoli , un chiaro segno che non vi era la volontà bilaterale di concludere l’affare.

img-20171223-wa0095

Natale al comando

Il Napoli supera la Sampdoria e mantiene la testa della classifica

img-20171223-wa0095Non è il titolo di uno dei classici cinepanettoni di Aurelio De Laurentiis, il Natale 2017 arriva con un Napoli al comando della classifica del campionato di Serie A . Un primato mantenuto soffrendo contro un’ottima Sampdoria che per due volte si è portata in vantaggio ma si è vista prima raggiungere e poi superare dagli azzurri per il 3 a 2 finale firmato Allan Insigne e Hamsik; per i blucerchiati a segno Ramirez e Quagliarella. Buona prova complessiva della squadra di Maurizio Sarri con koulibaly Hamsik e Insigne sopra le righe e uno stellare Allan; prove opache invece di hysai continuamente in confusione per tutta la durata del match e Mario RUI troppo imprudente negli interventi il che gli costa l’espulsione dovuta al doppio cartellino giallo. In chiave scudetto cambia poco visto che la Juventus battendo la Roma per 1 a 0 mantiene il ritardo dal Napoli ad una sola lunghezza; importante comunque aver allungato il vantaggio su Roma e Inter, quest’ultima caduta contro il Sassuolo per la seconda volta consecutiva dopo la sconfitta della settimana scorsa contro l’Udinese.

 

niznap

Nizza-Napoli 0-2, azzurri ai gironi di Champions League

Callejon e Insigne emulano il risultato della gara d’andata

 

niznapNAPOLI – Il Napoli conquista i gironi di Champions League; nulla da fare per i francesi che si sono dovuti arrendere alla superiorità degli azzurri. Una superiorità riconosciuta anche dalla quasi totalità dei media francesi che hanno definito la squadra di Sarri troppo forte per il Nizza. Napoli superiore dal punto di vista dell’organizzazione di gioco, della consapevolezza, della condizione atletica oltre che tecnicamente. 2-0 all’andata, 0-2 nel match di ritorno, un punteggio che avrebbe potuto essere ancora più rotondo in favore degli azzurri se non avessero sprecato diverse occasioni da goal. Gara di ieri sera sbloccata da Callejon in apertura di secondo tempo e messa in cassaforte da Lorenzo Insigne a pochi istanti dal triplice fischio del direttore di gara. Il solito Napoli che prende in mano la partita impadronendosi della palla per lunghi tratti delle frazioni di gioco facendola girare con uno o due tocchi per poi verticalizzare improvvisamente sorprendendo la difesa avversaria alle spalle coi tagli dei soliti Callejon, Insigne, Mertens ma anche una squadra che quando perde il possesso della palla rientra rapidamente con tutti i suoi effettivi. Insomma un bel vedere per chi ama il calcio! Missione compiuta o meglio completata visto che con 86 punti conquistati nella scorsa stagione ha dovuto giocare i preliminari per poter accedere alla Champions, un evento eccezionale visto che solitamente i punti raccolti bastano per entrare direttamente nella massima competizione europea. Ora non resta che attendere il sorteggio di giovedì alle ore 18 a Montecarlo che ufficializzerà i prossimi gironi di Champions.

Il tabellino

NIZZA (4-3-1-2): Cardinale; Souquet, Dante, Le Marchand, Jallet; Tameze (66′Lees-Melou), Seri, Walter (79′ Marcel); Sneijder; Saint-Maximin, Balotelli (77′ Knepe Ganago). A disp: Benitez, Burner, Sarr, Srarfi. All: Lucien Favre

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (71′ Rog), Jorginho (85′ Diawara), Hamsik (63′ Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne. A disp: Sepe, Chiriches, Maggio, Milik. All: Maurizio Sarri

Arbitro: Damir Skomina (Slovenia)

Marcatori: 48′ Callejon (Na) 89′ Insigne (Na)

Ammoniti: Seri, Lees-Melou (N) Koulibaly (Na)

Layout 1

Napoli-Nizza, San Paolo gremito per spingere gli azzurri in Champions

Nonostante si è in pieno Agosto l’impianto di Fuorigrotta sfiorerà il tutto esaurito

 

Layout 1NAPOLI – L’accesso  alla prossima Champions League è lì alle porte, manca l’ultimo step, 180 minuti in cui gli azzurri dovranno dare tutto. Si parte dalla gara casalinga in programma stasera alle ore 20,45, un match  molto sentito dal popolo partenopeo che non farà mancare la sua spinta seppur si è a cavallo del Ferragosto. Una partita in cui il Napoli dovrà vincere cercando di accumulare un buon margine di goal di vantaggio in vista del ritorno del 22 agosto all’ Allianz Riviera.  A parer di mister Sarri, intervenuto ieri in conferenza stampa a Castel Volturno, le maggiori insidie risiedono nei primi minuti e dopo il sessantesimo per effetto di una condizione atletica non ancora ottimale in questo periodo della stagione che ha visto più volte le squadre italiane andar fuori dalla più prestigiosa competizione europea proprio per questo aspetto. Dunque nella seconda metà del primo tempo e ad inizio ripresa bisognerà segnare quanto più possibile e sarà fondamentale non prendere goal in questi primi 90 minuti. La vera difficoltà degli azzurri sta proprio nel mantenere l’impermeabilità difensiva, lo sa bene il mister che più volte ha evidenziato il problema dei cali di concentrazione dei singoli che in alcune circostanze hanno reso vana l’ottima prestazione del collettivo. In particolare bisognerà fare molta attenzione alle palle inattive, situazione di gioco che il Napoli soffre da diverse stagioni, problematica  conosciuta dagli avversari a cui non si riesce a porre rimedio e che diventa spesso occasione ghiotta per le squadre che affrontano gli azzurri. Sarà fondamentale per i partenopei affrontare il match con la giusta intensità ed effettuando le giocate con la velocità che impone Sarri, velocità che non si è vista fin qui nelle amichevoli estive se non per un paio di minuti contro l’Espanyol, a causa dei carichi di lavoro e del gran caldo. Salvo imprevisti dell’ultimo minuto il Napoli dovrebbe scendere in campo con Reina tra i pali; Hysaj, Albiol,  Koulibaly e Ghoulam in difesa, Allan, Jorginho e Hamsik a centrocampo;  Callejon, Mertens e Insigne in attacco. Nel Nizza da tener d’occhio particolarmente Saint-Maximin, giocatore molto veloce e che salta l’uomo con facilità e Plea, attaccante che per caratteristiche assomiglia molto a Defrel come ha sottolineato lo stesso Sarri.

 

PROBABILI FORMAZIONI:

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri

NIZZA (4-2-3-1): Cardinale; Souquet, Dante, Le Marchand, Sarr; Koziello, Seri; Lees-Melou, Mahou, Saint-Maximin; Plea. Allenatore: Favre


Fatal error: Call to undefined function the_posts_pagination() in /web/htdocs/www.ilcalciocheconta.com/home/wp-content/themes/bhost/index.php on line 35